Ritratto di Alessandro Tavola
Autore Alessandro Tavola :: 1 Luglio 2015
Locandina di Duri si diventa

Recensione di Duri si diventa di Etan Cohen con Will Ferrell e Kevin Hart: una commedia troppo piccola e datata per l'interprete di "Anchorman" e "Blades of glory"

Con Duri si diventa ci troviamo di fronte ad uno dei Will Ferrell più canonici, distantissimo dalle sue performance comiche più esagerate e memorabili, ma anche dalle sue prove più magre.

Innocente ma prossimo alla galera, il manager James King chiede al gestore dell’autolavaggio che è solito frequentare (un uomo di colore che lui crede – per mera supposizione statistica – essere stato in prigione) di “insegnargli” a sopravvivere a San Quentin e principalmente agli abusi sessuali a cui dovrebbe andare incontro.

[Leggi anche: Will Ferrell nel cast di Tom's Dad di Lasse Hallstrom]

Will Ferrell o funziona o del tutto o per niente. Questo suo è un personaggio dapprima anonimo, mal centrato, nemmeno sufficientemente odioso od ottuso, in una parola: generico. Se da un lato ciò permette di assaporare meglio gli step della sua progressiva trasformazione con l’insorgere di momenti sempre più psycho e deliranti (normale amministrazione per l’interprete dei due Anchorman), dall’altro non ci viene ripagata l’attesa data da un primo atto che sarebbe potuto appartenere a qualsiasi commedia dal pretesto finanziario. Kevin Hart è una spalla appena sufficiente, con una manciata di battute buone ma che non riesce a tenere quasi mai testa alle uscite di Ferrell, con una ridondante e stancante espressione da WTF? sempre stampata in viso.

[Leggi anche: La recensione di Ted 2: Torna l'orso di Seth MacFarlane, ma l'irriverenza non basta]

Il regista Etan Cohen (esordiente dietro la macchina da presa, in passato sceneggiatore di Tropic Thunder) mette insieme in modo fiacco le già poche idee a disposizione. Il plot va col pilota automatico, giocando quasi unicamente con stereotipi sessuali e sociali annacquati: abbiamo la gang di colore e quella di motociclisti nazisti, il broker senza scrupoli, i malintesi, le idiosincrasie personali e culturali, il nascondersi le armi nell’ano, una colonna sonora ammiccante (più per i brani hip hop classici che per il pop più recente) e quello che da decenni è l’apice della mancanza di inventiva, ossia lo showdown su una barca.

Duri si diventa è troppo occupato dai suoi piccoli affari da piccola commedia per dare spazio autentico alla comicità e questo Ferrell meno febbricitante del solito mal si coniuga con tutto questo: praticamente estraneo al tono dominante, sembra sottratto al suo habitat naturale, quello della parodia semiassoluta. A poco servono le fiammate isolate che ci propone in un contesto del genere, dal quale non sembra per niente stimolato e accolto. La sua demenza sarcastica ha bisogno di ben altri supporti per funzionare.

Trailer di Duri si diventa

Voto della redazione: 

1

Facebook Comments Box