Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 21 Gennaio 2016
Locandina di Piccoli brividi

Recensione di Piccoli brividi - Rob Letterman ci restituisce l'irresistibile fascino e gioiosità dei classici per ragazzi anni '80 e '90. Da Gremlins a Jumanji, Jack Black guida il party trasformando la nostalgia in esaltazione

Ogni singolo mostro dei vostri peggiori incubi è già transitato fra le mani di R.L. Stine. Dal lupo mannaro alla mummia, passando per l'abominevole uomo delle nevi e i pupazzi parlanti, i temibili invasori alieni e gli gnomi da giardino assassini: tutti sono stati protagonisti di un volume dei Piccoli brividi, collana di libri che ha catalizzato intere generazioni di lettori vendendo milioni e milioni di copie nel mondo. Se n'era già fatto una serie tv, ed era solo questione di tempo prima che arrivasse finalmente anche una trasposizione cinematografica. I rischi erano enormi e dal trailer sembrava pure una boiata, ma, sorpresa delle sorprese: non solo l'operazione funziona, ma pure alla grande!

Rob Letterman (Shark Tale, I fantastici viaggi di Gulliver) torna indietro fino agli anni '80 e '90 studiandosi i classici per ragazzi, da Gremlins di Joe Dante a Jumanji di Joe Johnston, e per quanto non sia riuscito ad assorbirne in pieno la magia (e come potrebbe? Quei film vivono di nostalgia!), dimostra comunque di averne colto tutto il più ludico spirito: il film dei Piccoli brividi è puro e semplice gioioso intrattenimento al servizio dei suoi spettatori, di una leggerezza trasparente e così onesta da essere irrimediabilmente trascinante, come se si trattasse di una reunion con un vecchio e caro amico che ti scorrazza in giro per il parco divertimenti. 

[Leggi anche: La Universal vuole Tom Cruise e Angelina Jolie per i reboot dei suoi mostri classici]

Il motore è oliato per non avere intoppi, e il ritmo prosegue spedito per i suoi 103 minuti di durata. I tòpoi, chiaramente, li conosciamo: c'è il ragazzino venuto dalla città che si trasferisce in provincia, la bella vicina di casa, lo sfigatello di turno destinato a diventare il bff del protagonista, i balli scolastici, i primi baci sotto il chiaro di luna, i contorni comici e così via. Insomma: odore di casa, di irresistibile familiarità, che non significa mancanza di spunti originali, bensì solido ritorno a una tradizionale old school che evidentemente ha qualcosa da dire ancora oggi. La festa c'è ed è coinvolgente: come infallibile ciliegina sulla torta, niente di meno che Jack Black, calamita co(s)mica ogni qualvolta si trovi in scena. 

Trailer di Piccoli brividi

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box