Ritratto di Simone Malacarne
Autore Simone Malacarne :: 17 Dicembre 2015

Raramente i sequel si rivelano migliori degli originali, ma talvolta ne sono comunque assolutamente all'altezza. Ecco alcuni esempi, da "Aliens" di James Cameron a "Batman - Il ritorno" di Tim Burton

Batman - Il ritorno

Raramente i sequel si rivelano migliori degli originali, ma talvolta ne sono comunque assolutamente all'altezza. Il primo titolo che ci viene in mente? Ovviamente, Il Padrino 2 di Francis Ford Coppola. Difficile se non impossibile, chiaramente, decretare quale fra i due capitoli sia il migliore: il primo aveva quel mostro assoluto di Marlon Brando, ma nel secondo abbiamo un Robert De Niro che parla italiano e un Al Pacino entrato nella Storia del Cinema. E nel dubbio soggettivo sulla propria pellicola del cuore, di certo sono entrambi imprescindibili in maniera equa. 

Ottimo è poi anche Aliens di James Cameron, che ha ereditato la creatura di Ridley Scott rendendole giustizia e cambiandole pelle. Così come l'originale era praticamente un horror nello spazio, infatti, il seguito è invece un grandioso e impeccabile action capace di mantenere un ritmo solido dall'inizio alla fine. Il tutto, attraversando gli effetti speciali più spettacolari di quegli anni. 

Ancora: Guerre Stellari è uno dei film più celebrati e amati della Storia del Cinema, e girarne un sequel è quanto di più pericoloso c'è nell'industria. Eppure, L'impero colpisce ancora è riuscito perfettamente nell'impresa di non deludere i fan e i critici. Di più: per diversi spettatori, questo episodio è anche più bello ed eccitante dell'originale targato 1977!

[Leggi anche: Per colpa delle critiche, George Lucas non intende mai più girare uno "Star Wars"]

Cambiando territorio per virare nei cinecomic, due sono invece i sequel da mettere assolutamente in lista. Il primo è Batman – Il ritorno, girato da Tim Burton nel 1992. D'accordo, il Joker di Jack Nicholson era fantastico, ma qui di villain ne abbiamo 2, ed entrambi stilosi fino al midollo: Il Pinguino di Danny DeVito, e la Cat Woman di Michelle Pfeiffer. Se poi ci mettiamo in mezzo delle meravigliose trovate scenografiche e una love story tanto tenera quanto impossibile, allora siamo proprio a cavallo, e l'effetto instant cult è garantito.

Andando in tempi più recenti, merita sicuramente una menzione anche Spider-Man 2 di Sam Raimi. La precedente avventura dell'Uomo Ragno era un'ottima introduzione al super-eroe, ma è nel prosieguo che abbiamo finalmente lo scoppiare totale dell'euforia, fino a quel finale che odora veramente di commozione amorosa, d'incontrollata gioiosità per il cinema, la narrazione, lo spettacolo. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box