Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 5 Marzo 2015

Una top ten esclusiva della rivista americana che si concentra su film che non hanno fatto il botto al botteghino, con l'eccezione di "Interstellar", che sta comunque all'ultimo posto dei migliori film del 2014. Il grande escluso è "American Sniper"

Rosamund Pike

Rolling Stone ha stilato la sua personale classifica dei migliori film del 2014. Nella top ten della famosa rivista non c'è praticamente spazio per i blockbuster, ma per prodotti frutto di riflessioni e opere molto personali degli autori. L'unico film a budget alto, per così dire, è Interstellar di Nolan, che ha comunque tenuto a precisare l'utilizzo limitato di green screen e digitale, sottolinenado la scelta del formato e gli sforzi per costruire, per esempio, l'edificio della NASA. La tematica forte del film tocca il mistero della vita e il viaggio nel tempo, trovando una soluzione a tutto nel potere dell'amore. Visivamente non in grado di reggere il confronto con Gravity, anche come dimostra la battaglia a distanza agli Oscar, ai quali il film di Nolan ha conquistato solo la statuetta per gli effetti speciali.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Una presenza forse inaspettata è Under The Skin, interessante pellicola di Glazer dove la Johansson interpreta un alieno a caccia di uomini, mentre una donna mangia uomini è quella interpretata da Rosamund Pike in Gone Girl - L'amore bugiardo, prova eccellente che però non è bastata a sconfiggere Julianne Moore agli Academy del 2015; il film di Fincher non è stato un successone al box-office, snobbato anche agli Oscar nonostante un lavoro certosino nella fotografia e non solo.

[Leggi anche: I migliori e peggiori momenti degli Oscar 2015]

Il DOP premiato agli Academy è stato Lubezki, che ci ha messo del suo nel grande successo di Birdman, che, però, nella graduatoria della rivista sembra restare un gradino sotto Boyhood, il lavoro di dodici anni di Linklater, a sua volta escluso dai premi principali ma artefice di una narrazione esclusiva e innovativa. Wes Anderson galleggia a metà, forte di tecnicismi esasperati se pur perfetti - a partire dal cambio di formato -, ma che rischiano di sembrare un po' autoreferenziali.

Sul podio Foxcatcher, che approfondisce il wrestling in modo molto appassionato e approfitta di attori in formissima, su tutti Steve Carell. Il grande assente è sicuramente American Sniper, escluso in favore di Selma, Unbroken e Whiplash.

La top ten 2014 di Rolling Stone:

10. Interstellar (Christopher Nolan)

9. Under The Skin (Jonathan Glazer)

8. Unbroken (Angelina Jolie)

7. The Grand Budapest Hotel (Wes Anderson)

6. Whiplash (Damien Chazelle)

5. Gone Girl - L'amore bugiardo (David Fincher)

4. Selma (Ava DuVernay)

3. Foxcatcher (Bennett Miller)

2. Birdman (Alejandro González Iñárritu)

1. Boyhood (Richard Linklater)

Categorie generali: 

Facebook Comments Box