Ritratto di Silvia Ricciardi
Autore Silvia Ricciardi :: 3 Giugno 2015

Uno è un sequel datato 1979, l'altro è un remake del 2006, ma entrambi sono connessi alla stessa pellicola, uscita nel 1972. Di quali lungometraggi stiamo parlando? Scopriamolo insieme!

Poseidon

Con l’arrivo del disaster movie San Andreas nelle sale italiane, ripercorriamo insieme due film del passato, che non vale la pena vedere, connessi ad un celebre film catastrofico del 1972. Di quale film stiamo parlando?

Il primo lungometraggio che prendiamo in considerazione è L’inferno sommerso, del 1979, il cui titolo originale è Beyond the Poseidon Adventure. Si tratta del sequel non esattamente necessario de… L’avventura del Poseidon! Datato 1972, il film riprende nel punto in cui il primo capitolo era terminato. Il transatlantico Poseidon è ancora a galla e i sopravvissuti sono stati salvati. Il capitano Turner (Michael Caine) trova il relitto e si imbatte nel dottor Svevo, che afferma di essere un medico che ha captato l’SOS dalla nave. In un nuovo scontro, il capitano scoprirà con chi realmente ha a che fare, cercando di salvare gli ultimi sopravvissuti. Sul noto dizionario di cinema il Morandini il film non viene certamente elogiato, ma si afferma che è “mal servito da una rozza sceneggiatura e il pur notevole cast non basta a risollevarlo!".

[Leggi anche: Recensione di "San Andreas", il letterale disastro hollywodiano del terremoto 3d]

Non è stato concepito solo un sequel de L’avventura del Poseidon, ma anche uno sfortunato remake! Si tratta di Poseidon del 2006, la cui regia è stata firmata da Wolfgang Petersen. Nel cast troviamo Josh Lucas,  Kurt Russell, Emmy Rossum, Mike Vogel, Mia Maestro e tanti altri. La trama ormai è di uso comune: una nave sta attraversando l’Oceano Atlantico diretta verso New York ma, mentre si stanno svolgendo i festeggiamenti della notte di Capodanno, viene avvistata un’onda anomala e, nonostante le virate di emergenza, la nave cade vittima della forza della natura, rimanendo capovolta e a galla. Panico e terrore si diffondono tra i passeggeri, solo un ristretto gruppo di personaggi riuscirà a salvarsi. Ebbene, tutto il lavoro compiuto dalla grafica computerizzata per ricreare gli ambienti della nave e dagli effetti speciali digitali per creare il pathos sono stati vani in quanto il film ha ottenuto una nomination come Peggior remake o rip-off durante l’edizione dei Razzie Awards 2006!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box