Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 12 Gennaio 2016

"Revenant - Redivivo" ha vinto come miglior film drammatico, per la categoria commedia invece il premio è andato a "The Martian"

La sera del 10 gennaio a Beverly Hills sono stati consegnati i Golden Globe Awards, i premi assegnati da una giuria di ben novanta giornalisti ai migliori film e prodotti per la televisione dell’anno appena trascorso. Tra i titoli premiati ci sono diversi film che in Italia devono ancora uscire nelle sale, pellicole per cui l’attesa è molto forte e che arriveranno nei nostri cinema nel giro di poche settimane.

Revenant – Redivivo di Alejandro González Iñárritu, ad esempio, è stato premiato come miglior film drammatico e Leonardo Di Caprio (il protagonista che interpreta un cacciatore di pelli della fine dell’Ottocento) si è aggiudicato il premio come miglior attore in un film drammatico.

L’altro film molto atteso in Italia è The Hateful Eight, il nuovo western di Quentin Tarantino, e quando si parla di lui si sa che l’Italia, in un modo o nell’altro, è sempre coinvolta. Il regista ha infatti ritirato il premio che la  Hollywood Foreign Press Association ha deciso di consegnare al maestro Ennio Morricone per aver composto la miglior colonna sonora.

Ricky Gervais, attore e sceneggiatore che ha presentato la cerimonia per la quarta volta, è noto per essere un personaggio pungente senza troppi peli sulla lingua. E anche questo fa parte dello spettacolo e permette al pubblico – soprattutto quello televisivo dato che lo show era in diretta sulla NBC e su Sky Atlantic – di non annoiarsi. Gervais ha avuto dei piccoli e acidi scontri verbali con Mel Gibson, personaggio di certo non contraddistinto da autoironia ed ha inoltre scherzato con molti altri protagonisti della serata come Jennifer Lawrence, premiata come miglior attrice per il suo ruolo in Joy.

Tra i grandi sconfitti della serata c’è Carol, opera di Todd Haynes in questi giorni nei nostri cinema, il film aveva ricevuto cinque nomination ma non ha portato a casa alcun riconoscimento.

[Leggi anche: Golden Globe Awards 2016: qui tutte le nomination]

Steve Jobs invece, il biopic diretto da Danny Boyle, ha conquistato il premio per la miglior sceneggiatura – andato ad Aaron Sorkin – e per la miglior attrice non protagonista assegnato a Kate Winslet.

Ora Hollywood si prepara agli Oscar, peccato solo che non ci sarà il nostro Non essere cattivo, ma questa è un'altra storia. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box