Ritratto di Riccardo Lo Bue
Autore Riccardo Lo Bue :: 11 Giugno 2014

"La neve nera. Luigi Di Ruscio a Oslo, un italiano all'inferno": un film di Paolo Marzoni e Angelo Ferracuti, proiettato in anteprima mondiale al Biografilm Festival 2014 di Bologna

La neve nera. Luigi Di Ruscio a Oslo un italiano all'inferno, La neve nera, Paolo Marzoni, Angelo Ferracuti, Luigi Di Ruscio, Oslo,

È in concorso nella sezione Italia della decima edizione del Biografilm Festival 2014, il documentario di Paolo Marzoni e Angelo Ferracuti La neve nera. Luigi Di Ruscio a Oslo, un italiano all'inferno. Il film racconta il viaggio in Norvegia di Angelo Ferracuti scrittore e amico di Luigi Di Ruscio, uno dei più grandi poeti italiani contemporanei. Nato nel 1930 a Fermo, Luigi Di Ruscio è stato militante nel PCI di Palmiro Togliatti. Nel 1953 si trasferisce a Oslo, dove lavora come operaio metallurgico in una fabbrica di chiodi. Dopo trentasette anni di lavoro nella fabbrica, si ritira in una piccola stanza d’appartamento di un palazzo tra le case popolari della capitale norvegese, lavorando come scrittore. Apprezzato da autori come Salvatore Quasimodo, Majorino, Porta, ricevette continui rifiuti editoriali, ciononostante perseverò nella sua attività di scrittore affidando le sue pubblicazioni soprattutto a piccoli editori.

Durante il viaggio, Angelo si reca nei luoghi frequentati da Luigi: il quartiere multietnico di Grønland, quello più amato, con i suoi negozi; il grande spiazzo dove rimangono solo le macerie della Spigerverk, la fabbrica per cui Luigi lavorò 37 anni; il viale in cui sorgeva la discoteca “Regnbue”, in cui si svolsero le innumerevoli ed epiche scazzottate tra ragazzi italiani e norvegesi. Intrecciati a questi luoghi fisici, gli spazi degli affetti, del quotidiano, dell’intimità, dei ricordi, della lotta: la famiglia, le fotografie, la comunità italiana di Oslo, la fabbrica dei chiodi. Nel progredire del viaggio, mostrandoci la vita, la vicenda letteraria e umana di Luigi Di Ruscio; gli autori ricostruiscono la memoria di un’esperienza letteraria particolarissima durata oltre mezzo secolo, e il conseguente isolamento linguistico che ne è derivato. Il documentario mostra una pagina inedita dell’emigrazione italiana. Quella in Norvegia è un’appendice dell’emigrazione in Svezia. Tuttavia, mentre in Svezia si è assistito alla formazione di comunità italiane di una certa consistenza, in Norvegia, dato l’esiguo numero dei nostri connazionali e la loro dispersione sul territorio, non si è mai formata una comunità consistente tale da poter costituire un gruppo sociale di pressione per il mantenimento di alcune componenti fondamentali delle proprie tradizioni culturali e linguistiche. 

Il film sarà proiettato a Bologna giovedì 12 giugno alle ore 19,30 presso il cinema Arlecchino. Inoltre, sempre giovedì 12, nello spazio incontri del Cinema Lumiere di Bologna alle ore 17,30, la giornalista Rai Maria Agostinelli presenterà il libro “Romanzi” di Luigi Di Ruscio edito da Feltrinelli, alla presenza del direttore letterario di Feltrinelli Alberto Rollo e di uno dei due curatori del libro Angelo Ferracuti.
    

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion