Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 13 Maggio 2014

L'opera prima di Simone Bartolini uscirà al Nuovo Cinema Aquila grazie a una distribuzione autonoma. Le formiche della città morta racconta di rap, eroina, spaccio e disagi dell'ambiente underground romano

Simon P di Quarto Blocco

Le formiche della città morta è il film d'esordio di Simone Bartolini, che ha deciso di raccontare l'universo sommerso dell'ambiente underground di Roma, che non è di certo quello patinato e pettinato di La Grande Bellezza. Il titolo fa riferimento all'abisso che separa questa realtà dalle cronache e dalla coscienza della gente comune, che ignora, per esempio, quanto l'eroina sia ancora un problema al giorno d'oggi.

La vicenda segue le azioni del giovane Simon Pietro, che cerca di farsi strada con il rap, tra spaccio e dipendenza da eroina, alle prese con il temibile creditore Alfio. Tra ricordi, rimpianti, amori fuggiti e occasioni sprecate si consuma la quotidianità del protagonista e del microcosmo di personaggi che gli gravita intorno, che va, appunto, a dipingere una specie di formicaio umano, invisibile ai più. La durezza dei temi e la narrazione scarna e cruda richiamano pellicole forti come Christiane F. - Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino. Hanno collaborato alla colonna sonora il collettivo Quarto Blocco, Noyz Narcos, Chicoria, Fabri Fibra, Achille Lauro e Tiromancino.

Il film è stato presentato al Rome Independent Film Festival 2013 e, in seguito, a Genova e in Sicilia. Venerdì 16 maggio alle 20.30, data e ora della proiezione in sala, saranno ospiti il regista Simone Bartolini, il produttore Gregory J. Rossi, i protagonisti Simon Pietro Manzari (aka Simon P di Quarto Blocco) e Nina Torresi, gli altri attori, i musicisti e i tecnici.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box