Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 14 Aprile 2015

Dopo anni dall'ultima volta, il mitico Alvaro Vitali dichiara di voler tornare al cinema col suo celebre personaggio degli anni '80, Pierino, bambino pasticcione che ha conquistato gli spettatori con pernacchie, dispetti e scoregge

Pierino aka Alvaro Vitali

Con il suo Pierino, Alvaro Vitali è stato decisamente uno degli attori più amati e celebri del cinema italiano popolare. E questo, nonostante le avversità della critica nostrana, la quale si è dovuta ricredere quando una decina d'anni fa, a dedicare una retrospettiva all'interprete è stata addirittura la prestigiosa Cinémathèque di Parigi, luogo per eccellenza del cinema d'autore e già scuola formativa per i giovani turchi della Nouvelle Vague. 

Eppure, nonostante la gloria e le rivalutazioni (dovute a Quentin Tarantino e alle rassegne di cinema bis in quel della Mostra di Venezia), la carriera di Vitali sembrava decisamente finita, come fosse semplicemente una gloria del passato a cui guardare con nostalgia. Un fatto, questo, che ha quasi mandato l'attore in depressione. Infatti, raccontava qualche anno fa in un programma tv: “Noi artisti non siamo oggetti né giocattoli usa e getta, ma persone. All’improvviso le porte dello spettacolo per me si sono chiuse. Ho provato a re-inventarmi necessariamente, ho imparato a fare teatro, raccontare barzellette, cantare e ballare nelle piazze. A un certo punto, però, ho pregato perché non mi chiamassero più a Milano, perché non avevo nemmeno i soldi per la benzina”. 

Ma nonostante le svariate difficoltà, con l'andare del tempo il nostro eroino non si è arreso e oggi, riporta il quotidiano La Stampa, sarebbe addirittura pronto a tornare col suo mitico personaggio Pierino per una nuova avventura la cui sceneggiatura è già bella che pronta. Qui Vitali intende mostrarci un Pierino ormai cresciuto e diventato addirittura prete, il quale si prefigge il compito di aiutare i ragazzi sbandati attraverso la sua parrocchia. 

[Leggi anche: Premio Monicelli a Carlo Verdone, ma la vedova del regista scomparso non ci sta]

Ovviamente, non sognatevi nemmeno per un secondo di avere un prete lindo ed educato come si deve, giacché Pierino non sarebbe Pierino se non ci fossero le mitiche gag che l'hanno reso celebre durante gli anni '80: pernacchie, scoregge, battute sporche, dispetti e quant'altro. Insomma puro trash e commedia all'italiana vecchia scuola. In fondo, sappiamo ormai bene che senza Vitali, oggi non esisterebbero nemmeno i vari Soliti Idioti et affini, e quindi un suo eventuale ritorno in scena potrebbe anche funzionare. Ora, avendo lanciato l'appello, non rimane che andare in cerca di produttore e regista... in bocca al lupo al nostro Alvaro!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box