Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 25 Settembre 2015

Brigitte Bardot, musa di Roger Vadim, Louis Malle e Jean-Luc Godard, compie 80 anni. Decisamente una vita burrascosa la sua, tra amori folli, depressione, alcolismo, stati euforici di felicità e scandali

Brigitte Bardot

Il 28 settembre un'autentica leggenda della settima arte compirà la bellezza di 80 anni. Stiamo parlando di B.B. aka Brigitte Bardot, diva immortalata da autori come Jean-Luc Godard (Il disprezzo), Roger Vadim (E Dio creò la donna), Louis Malle (Tre passi nel delirio), Robert Wise (Elena di Troia), Julien Duvivier (Femmina) e tanti altri. Per festeggiare l'icona, la donna e il sex symbol, non c'è occasione migliore per recupare la sua autobiografia uscita nel 1996, Brigitte Bardbot: Il mio letto degli scandali, dove ha raccontato le peripezie di una vita perennemente vissuta al limite, tra aborti, tentati suicidi, la passione irrefrenabile verso Vadim e addirittura degli amori omosessuali tenuti segreti.

Dichiarava l'attrice all'uscita del libro: “Sono molto impaurita dell'impatto che potrebbe avere. Questo è più stressante del mio primo film. La mia vita è stata una successione di brevi attimi di felicità e terribili sfide. Con me, la vita è fatta solo del meglio e del peggio, di amore e odio. Tutto ciò che mi è successo è eccessivo. In questo libro, mi sono spogliata nuda”. 

Una donna sfuggente la Bardot, colpita da una strana forma di ninfomania cinematografica che la portava a innamorarsi degli attori al loro primo abbraccio in scena. Questo ha ovviamente contribuito ad alimentare una sorta di frustrante depressione, con annesso alcolismo. Prima del suo ritiro dalle scene, si racconta che l'attrice bevesse ormai regolarmente due bottiglie di champagne e tre bottiglie di vino al giorno. “Quando vivi momenti così intensi come ho fatto io, poi arriva per forza un conto da pagare. Non puoi fuggire l'angoscia e il pericolo che viene dopo la grande felicità”.

[Leggi anche: Sogni erotici di intere generazioni: Attori e attrici sex symbol degli anni '60]

Insomma, ieri come oggi, la Bardot rimane senza ombra di dubbio un oggetto cult, di quelli impenetrabili e circondati da mistero e irrimediabile fascino. “La pazzia che mi ha circondata mi è sempre sembrata surreale. Non sono mai stata preparata per una vita da star. Sono più felice della mia vita quotidiana di oggi rispetto a quando venivo inseguita da 100 fotografi”. Buon compleanno, B.B.!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box