Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 2 Febbraio 2016

Rivelata la nuova raccolta dell'artista losangelino Andrew Tarusov: una collezione di locandine dei classici Disney ridisegnate con lo stile inconfondibile di Tim Burton!

Aladdin

Tra i cineasti più facilmente riconoscibili per il loro personalissimo tratto, figura sicuramente Tim Burton, che nel corso degli anni ha forgiato un'estetica ricorrente per gran parte delle sue pellicole. E non stiamo parlando solo dei film in carne ed ossa, ma anche delle sue avventure in campo animato, e pensiamo a La sposa cadavere o Frankenweenie. I disegni goth che pesca a piene mani dall'espressionismo tedesco e dalla new wave anni '80, gli occhioni giganti dei personaggi, i corpi snellissimi, le evidenziatissime ombre e le distorsioni geometriche: tutte caratteristiche evidenti anche agli spettatori meno attenti. 

A tuffarsi nel gioco, adesso, è l'artista losangelino Andrew Tarusov, che ha presentato una collezione intitolata What if Tim Burton Directed Classic Disney Movies, ovvero, E se Tim Burton avesse diretto i classici Disney. Per l'occasione, l'uomo ha creato le locandine dei suddetti film disegnandoli proprio con lo stile del cineasta, come se Il Re Leone fosse magicamente uscito da Nightmare Before Christmas. Un esperimento, questo, che farà sicuramente piacere non solo ai fan della casa di Topolino, ma ovviamente anche agli ammiratori di Burton.

[Leggi anche: Video: Il cinema di Tim Burton e il suo legame con l'espressionismo tedesco]

Spiega l'artista: “Il primo che ho fatto è stato Bambi, e poi l'idea per l'intera collezione è semplicemente venuta fuori”. Non è comunque la prima volta che Tarusov si cimenta nell'universo disneyano: tra i suoi precedenti lavori, troviamo ad esempio le cattive e le principesse Disney in versione pinup, così come alcuni personaggi immaginati in versione anziana (con tanto di Topolino ormai vecchio e sulla sedia a rotelle!). Per vedere le sue creazioni al completo, spulciate il sito ufficiale.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box