Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 9 Febbraio 2016

Un mito intramontabile, quello di Rocco Siffredi. Ora i suoi fan saran contenti di scoprire che il veterano del porno sarà anche protagonista del documentario "Rocco", appena acquisito da Wild Bunch per la distribuzione internazionale

Rocco Siffredi

Un mito intramontabile, quello di Rocco Siffredi. Ora i suoi fan saran contenti di scoprire che il veterano del porno sarà anche protagonista del documentario Rocco, appena acquisito da Wild Bunch per la distribuzione internazionale. L'opera, che promette di non omettere assolutamente nessun dettaglio, presenterà una lunga intervista a Siffredi, che per l'occasione racconterà non solo la sua intera carriera a partire dal debutto nell'industria a luci rosse, ma anche la propria vita personale, che comprende il matrimonio con la collega Rosa Caracciolo e i loro due figli. 

Attivo da oltre trent'anni, ad oggi Rocco vanta più di 1300 film, incluso un salto nel cinema più arty rappresentato da Romance (1999) e Pornocrazia (2004), entrambi della rinomata autrice francese Catherine Breillat. Chiaramente, il docu arriverà fino ai giorni d'oggi, e quindi aspettatevi anche delle rivelazioni più attuali (qualcuno ha detto Isola dei famosi?), così come un commento più approfondito riguardo la sua recente decisione di andare finalmente in pensione dal mondo del porno.

[Leggi anche: Le più spassose parodie porno, da "Pulp Friction" a "Edward mani di pene"]

Ad aver diretto l'opera, il duo Thierry Demaizière e Alban Teurlai, già registi di Relève, docu incentrato su Benjamin Millepied, ex direttore dell'Opera Ballet di Parigi. Ancora nessuna data di distribuzione annunciata per Rocco, ma di certo, avere la Wild Bunch come alleato è un autentico regalo piovuto dal cielo, essendo la medesima compagnia che ha lanciato rinomate pellicole quali The Artist di Michel Hazanavicius, Il discorso del re di Tom Hooper, Il labirinto del fauno di Guillermo Del Toro, La città incantata di Hayao Miyazaki, La vita di Adele di Abdellatif Kechiche e Old Boy di Park Chan-wook.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box