Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 8 Giugno 2014

Il decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri Artbonus garantisce un aumento di 5 milioni dello stanziamento per le agevolazioni fiscali per cinema e audiovisivi in Italia. Le norme sono finalizzate ad attirare finanziamenti esteri in Italia

Buona notizia per il mondo del cinema in Italia, per ora un piccolo passo che può significare comunque molto come investimento per il futuro. Grazie infatti al decreto legge che prende il nome di Artbonus, aumenterà di 5 milioni lo stanziamento per le agevolazioni fiscali al cinema e agli audiovisivi, che passa così da 110 a 115 milioni. Il decreto ha ricevuto l'approvazione del Consiglio dei Ministri, che quindi scommette sul potenziale italiano come porto franco per gli investimenti esteri.

Al fine di attirare interesse e denaro da parte dell'estero, tra le norme del decreto legge per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo è previsto l’innalzamento del limite massimo riguardante il credito d’imposta per le imprese di produzione esecutiva e le industrie tecniche che realizzano in Italia film o parti di film stranieri; fermo restando che si parli di manodopera tutta italiana. 

Fino a oggi il Tax credit ha consentito di attrarre in Italia, negli ultimi cinque anni, 49 produzioni cinematografiche dall'estero per investimenti complessivi pari a 102 milioni di euro. Si tratta soprattutto di film di produzione statunitense girati in Italia per meri motivi legati a script e sceneggiatura, sono i casi di The tourist, To Rome with loveNine. L’obiettivo delle nuove norme è incrementare ancora di più questo genere di investimenti, estendendo i vantaggi alle grandi produzioni.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box