Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 12 Gennaio 2015

Paul Feig spiega come sarà sviluppato l'attesissimo reboot del classico di Ivan Reitman "Ghostbusters - Acchiappafantasmi", che avrà un cast tutto al femminile a dominare la scena. Il regista promette grandi spaventi e risate, ma non parolacce!

Ghostbusters

Il reboot di Ghostbusters, attualmente sotto la direzione di Paul Feig, è andato incontro a cambi di copione e virate improvvise da quando è stato concepito. Controversie e divergenze di opinioni hanno ritardato la stesura di un progetto definitivo, ma quello che è certo è che i fan non possono essere delusi dalla promessa della produzione circa il fatto che il film, tutto al femminile, sarà seriamente spaventoso, mantenendo comunque un rating PG-13 per l'audience in sala.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Le ultime dichiarazioni arrivano proprio da Feig e dalla co-sceneggiatrice Katie Dipold, che spiegano le loro intenzioni circa il tono da dare a quello che dovrà essere un blockbuster di successo, vista l'attesa spasmodica a cui il pubblico del globo è stato sottoposto negli anni. Mentre i nomi delle protagoniste non sono ancora stati resi noti, malgrado qualche volto noto sia stato citato su qualche testata, quello che si cerca di chiarire ora una volta per tutte è il carattere horror della pellicola, che avrà il compito di spaventare davvero l'audience planetaria.

[Leggi anche: Dan Aykroyd parla del futuro di "Ghostbusters - Acchiappafantasmi"]

Ovviamente è sottinteso che il regista, a fianco delle grida di spavento, si impegnerà anche a far ridere il pubblico, come nella migliore tradiizone della serie degli Acchiappafantasmi: "Per essere onesto devo dire che voglio che il nostro faccia più paura dell'originale; io e Katie Dipold siamo davvero concentrati sul voler realizzare una sorta di scary comedy: non vogliamo trattenerci". 

Tanti spaventi saranno inversamente proporzionali alle parolacce, invece, cosa che potrebbe stupire se si parla di Paul Feig, che ha comunque detto la sua sulla scelta di un linguaggio convenzionale: "La ragione per cui io faccio molte commedie vietate ai minori è che la gente vuole che un film sembri reale e non costruito. Ma il mondo di Ghostbusters non ha bisogno di questo livello di imprecazioni, infatti per questo film avremo un PG-13. Mi piacerebbe fare un R-Rated, ma non lo farò. Voglio che il maggior numero di persone lo guardi".

Del resto, nonostante nei film originali ci fossero imprecazioni e allusioni sessuali, al giorno d'oggi quelle stesse parole non andrebbero oltre la barriera del rating PG-13, quindi i fan non dovrebbero preoccuparsi!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box