Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 24 Dicembre 2014

Sarà anche per merito del presidente Obama (che ha sottolineato come l'aver cancellato la sua uscita dalle sale fosse un errore): alla fine, "The Interview", nuova commedia con James Franco e Seth Rogen, arriverà comunque nei cinema statunitensi

Seth Rogen e James Franco

Festeggiamenti per The Interview, pellicola con James Franco e Seth Rogen al centro di polemiche in questi ultimi giorni dopo che la Sony ha deciso di non farla più uscire nelle sale statunitensi. Infatti, il film, che racconta di due giornalisti incaricati di uccidere il dittatore nord-coreano Kim Jong-Un, ha suscitato le reazioni e le minacce di presunti gruppi terroristici, i quali hanno pressato i cinema affinché si rifiutassero di proiettare la famigerata pellicola, convincendo poi la Sony ad obbedire.

Immediate le reazioni del popolo hollywoodiano, le quali hanno accusato la compagnia di aver dato la vittoria ai presunti terroristi, uccidendo la propria libertà d'espressione. Lo stesso presidente Obama ha chiamato questa decisione della Sony un errore: “Non possiamo avere una società in cui qualche dittatore da qualche parte possa iniziare a imporre la censura qui negli Stati Uniti” - ha detto il politico durante una conferenza.

Sarà anche per via delle lamentele che ora, la compagnia ha annunciato che invece farà comunque uscire The Interview, seppur in un numero limitato di sale. I suoi due protagonisti, che sono rimasti in silenzio dopo la cancellazione del film, esprimono ora la loro gioia e soddisfazione. “Il popolo ha parlato! – twitta Seth Rogen – La libertà ha vinto! La Sony non si è arresa! The Interview arriverà nelle sale che intendono proiettarlo il giorno di Natale!”. “Festeggiamenti! - scrive invece James Franco – The Interview è stato salvato dal presidente Obacco! Volevo dire presidente Obama, mi spiace!”.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Nonostante diverse catene americane abbiano rifiutato di proiettare la controversa pellicola, ad essersi offerte volontarie sono state invece le sale indipendenti, che hanno dato la propria disponibilità a far vedere al pubblico l'attesa commedia. Con tutta questa pubblicità gratuita avuta nei giorni scorsi, non ci sorprenderebbe che il film si rivelasse un grande successo al botteghino, in barba a Kim Jong-Un!

[Leggi anche: La censura cinese bandisce i film d'azione, horror, romance e porno. Cosa rimane?]

Ora, non rimane altro che aspettare che l'opera arrivi anche nelle sale italiane. Diretta dallo stesso Rogen assieme a Evan Goldberg, di certo le risate non mancheranno, e basti vedere la precedente collaborazione registica della coppia, quel delirante comedy apocalittico di Facciamola finita

Categorie generali: 

Facebook Comments Box