Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Maggio 2015

La talentuosa Juliette Binoche sarà presto in trasferta cinese per girare un biopic sulla romanziera premio Nobel Pearl S. Buck. Con lei, Jing Tiang ("Police Story 2013"), Leehom Wang ("Lussuria") e la regista Roxanne Messina Captor

Juliette Binoche

Instancabile Juliette Binoche, che annuncia un nuovo progetto. Secondo Variety, si tratterebbe di Pearl, biopic sul premio Nobel per la letteratura Pearl S. Buck, autrice statunitense che nel corso della sua carriera ha scritto celebratissimi romanzi come La buona terra, L'esilio e La casa dei fiori. Durante la sua vita, la donna ha sempre viaggiato tra gli States e la Cina, dove ha passato parte della propria giovinezza per poi tornarci in età adulta come insegnante all'Università di Nanchino. Per questo motivo, il film avrà proprio la produzione cinese della China Film Group, i cui ultimi lavori comprendono The Crossing di John Woo e l'imminente sequel di La tigre e il dragone.

Regista ingaggiata per l'operazione sarà Roxanne Messina Captor, cineasta semi-sconosciuta che 15 anni fa girava il thriller romantico Mente omicida. A recitare con la diva francese saranno invece due superstar del cinema asiatico: Jing Tiang, già figlia di Jackie Chan in Police Story 2013, e Leehom Wang, che abbiamo imparato a conoscere in Lussuria, Chinese Zodiac e nel recente Blackhat di Michael Mann. Eccezionale anche il direttore della fotografia coinvolto, ovvero l'ungherese Vilmos Zsigmond, leggenda vivente del panorama che ha illuminato autentici capolavori della settima arte come Incontri ravvicinati del terzo tipo di Steven Spielberg e Il cacciatore di Michael Cimino. 

Insomma, niente affatto male. Le riprese sono previste per il 2016, con una troupe che si sposterà da Shanghai a Praga, per poi tornare nelle lande asiatiche fra le province di Zhejiang. Dichiara la regista: “Sto scrivendo questo progetto da diverso tempo, avendo letto La buona terra quando avevo 8 anni. La vita della Buck mi ha intrigato per l'anima grandiosa che le ha permesso di realizzare così tanto”.

[Leggi anche: Juliette Binoche fa piangere Quentin Tarantino]

Prima di questa trasferta cinese, vedremo comunque la Binoche in altre pellicole, le quali includono Slack Bay (Ma Loute) di Bruno Dumont, dove affianca Valeria Bruni Tedeschi, e L'attesa, esordio al lungometraggio dell'italiano Piero Messina. Invece, aspetta ancora di trovare un distributore Nobody Wants The Night di Isabel Coixet, film d'apertura dello scorso Festival di Berlino, in cui la talentuosa attrice condivide lo schermo con un cast internazionale che comprende Gabriel Byrne e la nipponica Rinko Kikuchi. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box