Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Giugno 2015

In trepidante attesa di "The Neon Demon", il danese Nicolas Winding Refn anticipa ciò che potrebbe essere il suo prossimo film: "The Avenging Silence", spy movie ambientato nella metropoli più delirante e lisergica del mondo, Tokyo

Nicolas Winding Refn

Nicolas Winding Refn non conosce pause. Ha appena finito le riprese dell'attesissimo The Neon Demon, horror cannibalesco al femminile con Elle Fanning protagonista, ma pare pensare già al suo prossimo progetto. Così almeno ha rivelato ai microfoni di Collider: “Sto lavorando ad un film che si ambienterà a Tokyo. Sarà probabilmente la mia prossima pellicola".

Titolo provvisorio dell'opera è The Avenging Silence; il cineasta anticipa che sarà avvolta da atmosfere in stile spy movie, e che avrà molto in comune con i suoi precedenti film. Prosegue: “Il personaggio che Mads Mikkelsen interpreta in Valhalla Rising è lo stesso di  Ryan Gosling in Drive e Vithaya Pansringarm in Solo Dio Perdona. Ora voglio fare un nuovo film con quel personaggio, dato che ho appena girato The Neon Demon, che invece aveva prevalentemente delle protagonisti femminili”.

Insomma, sembrerebbe decisamente una cosa da attendere con trepidanza. Refn fece già faville quando utilizzò i sobborghi di Bangkok in Only God Forgives, e vederlo ambientare la sua prossima pellicola in una metropoli delirante e impazzita come Tokyo potrebbe portarci verso viaggi lisergici da mozzare il fiato e da fermare il cuore. La cosa non è comunque ancora confermata al 100%, in quanto il regista ha dichiarato di essere alle prese anche con altre sceneggiature, e che dunque nulla vieti che all'ultimo decida invece di virare su altro. "Mi piace avere molte cose in mano per poi decidere alla fine” - ha sottolineato. 

[Leggi anche: "Neon Demon" di Nicolas Winding Refn avrà super modelle, riti voodoo e cannibalismo]

Se siete dei fan incontenibili, potreste intanto dare un'occhiata a Dying of the Light, thriller drammatico diretto da Paul Schrader uscito l'anno scorso, e che vede proprio l'autore danese tra i produttori esecutivi. Protagonista delle vicende è Nicolas Cage, agente della CIA a caccia di un terrorista che l'ha torturato in passato. 

Da segnalare, inoltre, il documentario My Life Directed by Nicolas Winding Refn di Liv Corfixen, moglie del regista, che racconta il dietro le quinte di Solo Dio perdona e di quando il nostro andò in crisi mistica a causa delle recensioni negative da parte della critica internazionale. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box