Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 14 Ottobre 2014

Cercando nei meandri della rete, abbiamo trovato delle pubblicità giapponesi vintage con dei protagonisti d'eccezione: Woody Allen, Francis Ford Coppola e Akira Kurosawa. Buona visione!

Woody Allen

Belle riscoperte sguazzando per il vastissimo mondo del web, magari verso alcune pubblicità giapponesi degli anni '80, che a vederle adesso sembrano le cose più weird del pianeta. Ecco Akira Kurosawa sul set di Kagemusha – L'ombra del guerriero; con lui, Francis Ford Coppola, grande sostenitore della pellicola, la quale ha voluto a tutti i costi portare nei cinema statunitensi con l'aiuto della 20th Century Fox. Dopo il giorno stancante sul set, ritroviamo i due in un tavolo a rilassarsi, fingendo di parlare (non si sa bene in quale lingua, ma è tutto palesemente finto), per poi brindare e bere del Suntory Whiskey, perchè “la passione non conosce limiti”. Assolutamente geniale, sopratutto pensando che anni ed anni dopo, Sofia Coppola girerà Lost in Translation, in cui il protagonista Bill Murray va in Giappone proprio per girare una pubblicità di Suntory Whiskey. Pura coincidenza od omaggio verso il padre? In ogni caso, quella scena si riempie ora di un nuovo evocativo significato.

[Leggi anche: I 100 film preferiti di Akira Kurosawa]

 

Nella seconda pubblicità, il protagonista è invece Woody Allen, ed è ancora più strano del solito. Ecco della musichetta nipponica e il regista pensieroso ed impassibile. Poi, è a torso nudo per un trattamento di agopuntura (o così sembra); a un certo punto è invece a comprare qualcosa da un distributore automatico che porta la sua faccia, mentre alla fine è addirittura in completo di kimono intanto che abbozza schizzi in un foglio bianco. La cosa bella è che in tutto questo non abbiamo proprio capito cosa diavolo stesse promuovendo e pubblicizzando, a parte la scritta Seibu! Forse qualche espertone di lingua giapponese potrebbe illuminarci in proposito, in quanto facendo delle prime vaghe ricerche superficiali, come “Seibu” ci risulta solo la ferrovia giapponese oppure una catena di centri commerciali, e dalle pubblicità tutto ci sembra tranne che qualcosa che riguardasse treni o shopping.

In ogni caso, chissà quante perle nasconde ancora la storia dei commercial giapponesi, che durante gli anni '80 coinvolse moltissimi volti di Hollywood per le proprie campagne. Ne scoveremo altri per voi, quindi rimanete assolutamente fra le nostre pagine!

[Ti può interessare: Woody Allen: idee, filosofia e film di un nerd del cinema]

Categorie generali: 

Facebook Comments Box