Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 7 Novembre 2015

Occhi puntati sul primo fine settimana al cinema del nuovo film di 007. Il break even è una cifra altissima, proporzionata agli elevati costi di lavorazione

Spectre

Lo ripetiamo spesso, chi è appassionato di cinema e non lo considera mero intrattenimento lo sa: fare un film è anche una questione di soldi. E può risultare poco romantico, ma spesso il successo di una pellicola si misura anche facendo un rapido paragone tra il budget investito durante la lavorazione e l'incasso.

L'agente 007 potrebbe sembrare superiore a tutte queste dinamiche da “quattro soldi”, ma non è così. Pur essendo un film costato moltissimo, anch'esso ha delle soglie da rispettare. I problemi di budget incontrati dall'ultimo capitolo della saga dedicata a James Bond non sono un segreto: secondo la rivista Variety il film è costato qualcosa intorno ai 250 milioni di dollari a cui se ne devono sommare altri cento per il marketing e la promozione. Il numero magico da raggiungere, secondo le stime calcolate dal magazine statunitense, è 650 milioni di dollari. Questa la cifra che Spectre deve incassare per far tornare i conti alla produzione. La notizia che fa ben sperare è che il film precedente, Skyfall, sempre girato da Sam Mendes con Daniel Craig protagonista, è stato uno dei più grandi successi nelle sale in assoluto con più di un miliardo di dollari, rientrando dunque tra gli ottantotto film che hanno incassato più di 650 milioni nella storia del cinema.

Un dato importantissimo proviene sempre dal primo week end di programmazione. Questo fine settimana Spectre esce in decine di paesi (tra cui l'Italia) e gli analisti prevedono un primo incasso di 80 milioni, cifra che se raggiunta fa ben sperare chi ha investito nel progetto.

[Leggi anche: Tutte le nuove Bond girls dell'atteso “Spectre”]

Nonostante il grande successo che la spia britannica riscuote negli Stati Uniti, non bisogna sottovalutare il suo impatto nel paese d'origine. Spectre – la cui première si è svolta alla Royal Albert Hall dov'erano presenti anche William e Kate – è per ora il quarto incasso dell'anno nel Regno Unito, dato che probabilmente è destinato ad aumentare. Un'altra avventura per James Bond, la prossima – si vocifera, ma nulla è ufficiale - sarà trovare il prossimo sostituto di Daniel Craig.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box