Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 10 Maggio 2015

Spassionati consigli cinematografici per la Festa della Mamma, dalla commedia "Quel pazzo venerdì" di Mark Waters allo stilosissimo dramma "Mommy" di Xavier Dolan, passando per "Mother", ansioso thriller di Bong Joon-ho

Quel pazzo venerdì

Auguri a tutte le mamme del mondo, meglio ancora se cinefile. Ovviamente, la storia del cinema pullula di madri memorabili, ed è difficile stringere il cerchio cercando di includere gli umori e i generi più disparati per accontentare ogni gusto e mood; ma se volete seguirci ancora una volta in questo nostro breve excursus, ecco alcuni consigli sui titoli da vedersi con la propria mamma durante questo giorno speciale.

Ad esempio, se pianificate una serata in famiglia tra bambini, popcorn e caramelle, allora Quel pazzo venerdì di Mark Waters potrebbe fare al caso vostro. Trattasi di una pellicola leggera e divertente in puro spirito disneyano, con madre e figlia che finiscono per scambiarsi i rispettivi corpi per colpa di un biscotto cinese. Ovviamente, seguiranno infinite gag e situazioni sull'orlo del caos. A vederla oggi, poi, fa decisamente strano, in quanto ha per protagoniste due meteore come Lindsay Lohan (ancora pulita, lontana da scandali e sfacelo) e Jamie Lee Curtis.
Per una famiglia più vintage, invece, potete virare sul sempreverde Tutti insieme appassionatamente di Robert Wise, pietra miliare del musical hollywoodiano con un'indimenticabile Julie Andrews a spasso fra le montagne con chitarra e bambini; ok, detto così sembra un film da parrocchia, ma vi assicuriamo che è puro e meraviglioso fascino senza tempo che cattura occhi ed emozioni. 

Cambio di genere verso altri lidi estetici? Magari verso qualcosa che stritoli le budella giusto perché vostra mamma è di quelle perennemente in cerca di elettroshock emotivi? Ecco Mother di Bong Joon-ho, violento e drammatico thriller coreano girato con virtuosismo chirurgico per tessere i rapporti di una madre protettiva verso il figlio, malato mentale accusato di aver ucciso una giovane ragazza. Kim Hye-ja avrebbe meritato l'Oscar come Miglior Attrice, e al talentuoso cineasta va il merito di una storia apparentemente semplice che si dirama in una moltitudine di twist nervosi per catturare ansia e disagio esistenziale di una vita virata al nero. 

Intensissimo è poi anche uno dei film migliori della stagione, Mommy di Xavier Dolan, che ci descrive un complicatissimo rapporto genitrice / prole con lo stile barocco di uno che ha risucchiato gli Oasis e Lana Del Rey per concepire attimi sospesi di pura evocazione estasiante. Trattasi, con tutta probabilità, dell'opera più compiuta del giovane prodigio canadese (che con questa pellicola ha vinto oltre 40 premi in giro per il mondo), o perlomeno di quella più incisiva, calorosa, magnetica e densa di bruciante passione.

[Leggi anche: Cannes 2014: Mommy, tutti prostrati ai piedi di Xavier Dolan]

Per tornare a visioni più usuali, sappiate che con Voglia di tenerezza di James L. Brooks piangerete fiumi di lacrime (preparate diversi pacchetti di fazzoletti), così come per Nemiche amiche di Chris Columbus, delicato racconto familiare che vanta nel cast la tenera coppia Susan Sarandon / Julia Roberts, prima acerrime rivali e poi complici in nome dell'amore verso i propri figli.

Infine, stanchi di commozioni (emotive e cerebrali), anche per far un po' felici i papà con uno dei loro massimi idoli, ecco Fermati, o mamma spara, cult anni '90 capitanato da un Sylvester Stallone versione detective che dovrà vedersela con la propria madre venuta a fargli visita: una simpatica signora che ben presto si rivela essere uno spassoso delirio che metterà tutto sottosopra!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box