Ritratto di Rita Andreetti
Autore Rita Andreetti :: 22 Febbraio 2016

Conta una platea di oltre 130 milioni di spettatori che ogni sera alle 7 accendono la televisione: si chiama Xinwen Lianbo ed è il programma più seguito al mondo

Xinwen Lianbo

Certamente il SuperBowl sa il fatto suo, e pure le funzioni funebri per la morte di Lady D. hanno stordito l’auditel. Ma nessuno mai è arrivato dove il TG cinese ha portato le sue platee.

Si chiama Xinwen Lianbo ed è un programma che esiste quasi come allora, dal 1° gennaio 1978. Viene trasmesso a reti unificate alle 7 di ogni serata cinese e offre trenta minuti di notizie e approfondimenti a dichiarato sfondo propagandistico.

Sebbene Xinwen Lianbo sia realizzato in mandarino, esistono versioni dedicate alle minoranze e quindi doppiate in lingue diverse, per permettere a tutti di non perdersi l’appuntamento. Pertanto, il TG posto in fascia oraria pre-serale, abbraccia una platea che varia dalle 130 alle 140 milioni di unità; dagli anni Novanta, la percentuale di appassionati è andata via via calando, soprattutto nelle fasce dei giovani, che tendono a non apprezzare per nulla il teatrino edulcorato offerto dal Partito Comunista all’interno di Xinwen Lianbo. Ciononostante, il programma rimane una affinata macchina per far soldi, visto le cifre da capogiro con cui gli spot pubblicitari immediatamente precedenti e successivi vengono venduti.

In internet, c’è chi schematizza (e stigmatizza) il lavoro della redazione con queste tre sezioni: i primi dieci minuti sono dedicati a mostrare leader e responsabili di partito affaccendati per il bene della nazione; i secondi dieci minuti, sono l’occasione per mostrare “che il popolo è perfettamente in salute”; gli ultimi dieci minuti sono invece dedicati allo sguardo sul mondo esterno, puntualmente caotico e preda delle peggiori nefandezze.

In un quadro riassuntivo così poco realistico, non stupisce che le nuove generazioni si stiano dedicando ad una informazione alternativa: dai canali privati alla rete, nelle quale ancora si trovano, seppur difficilmente, informazioni non viziate dalla propaganda. Questo nonostante lo sforzo che il TG di Stato ha messo in atto per cercare di rinnovare il look, l’atteggiamento degli anchormen (e women) e la velocità di trattamento delle informazioni: per contro, la sigla è tale dagli anni Ottanta e ancora mancano i collegamenti in diretta, che sarebbero troppo rischiosi da gestire. Per alcuni, il recente Xinwen Lianbo è il solo modo per vedere l’operato quotidiano del presidente Xi, a contatto col popolo, e intuire la direzione del Partito.

[Potrebbe interessarti: Robert Redford: "La televisione sta avanzando più velocemente del cinema"]

A volerla dire tutta, Xinwen Lianbo non è ancora il programma più visto del pianeta, ma quello che raccoglie la più alta percentuale di affezionati quotidiani. Il primato è di un altro appuntamento della Cina, quello per le celebrazioni del Capodanno Cinese: ogni anno lo spettacolo viene trasmesso in diretta ed entra di diritto nelle case delle famiglie cinesi, riunite per una settimana all’anno da quello che potrebbe essere inteso come il locale spirito natalizio. Risultato? Dai 700 milioni al miliardo di spettatori incollati agli apparecchi.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box