Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 5 Maggio 2015

L'8 maggio il Teatro Altrove di Genova propone la proiezione di "Qui" di Daniele Gaglianone sul tema "No Tav". Il giorno dopo il regista e il laboratorio probabile Bellamy propongono un workshop aperto a tutti

Daniele Gaglianone

Il prossimo 8 maggio, il Teatro Altrove di Genova propone la proiezione di Qui, documentario realizzato dal regista Daniele Gaglianone sul tema della TAV (la linea ferroviaria ad alta velocità tra Torino e Lione) e sul movimento che da 25 anni si batte per contrastarne la costruzione in Val di Susa (di cui fa parte anche lo scrittore Erri De Luca, coinvolto in un procedimento giudiziario con l’accusa di “istigazione a delinquere”). Gaglianone sarà presente in sala, con alcuni rappresentanti del movimento e il giorno seguente terrà un workshop di teoria cinematografica, adatto a tutti, professionisti e non. Di seguito riportiamo una sua breve sinossi biografica e di filmografia.

Daniele Gaglianone (Ancona, 1966) nel 1991 ha iniziato a collaborare con l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza. Ha girato cortometraggi di fiction e documentari, tra cui La ferita (1991), premiato al festival Cinema Giovani di Torino. Nel 2000 ha esordito nel lungometraggio con I nostri anni, selezionato alla Quinzaine di Cannes e nel 2004 Nemmeno il destino ha vinto il Tiger Award a Rotterdam. Con Rata nece biti ha vinto il premio speciale della giuria al Torino Film Festival e il David di Donatello come miglior documentario. Nel 2013 ha presentato La mia classe alle Giornate degli autori della Mostra di Venezia.

Filmografia: 
Nella solitudine del sangue (cm, 1990), La ferita (cm, 1991), Era meglio morire da piccoli (cm, 1992), Sparare a vista sul sovversivo Agosti (cm, doc., 1993), L’orecchio ferito del piccolo comandante (cm, 1994), La carne sulle ossa (cm, 1996), I nostri anni (2000), Le domeniche del Signor Mantaut (doc., 2003), Nemmeno il destino (2004), Alle soglie della sera (doc., 2005), Rata nece biti (la guerra non ci sarà) (doc., 2008), Pietro (2009), Ruggine (2011), La mia classe (2013), Qui (doc., 2014). 

[Leggi anche: Recensione di Qui | Voci comuni ma straordinarie del movimento No-Tav]

La quota d‘iscrizione al workshop con Daniele Gaglianone (Domenica 9 Maggio) è di 35 euro (per i soci Bellamy) e di 50 euro (per i non tesserati). Il laboratorio probabile Bellamy è un’associazione culturale nata nel 2004 dall’incontro di alcuni studenti universitari provenienti da diverse aree disciplinari; dal 2006 è attiva principalmente nel settore cinematografico. Ulteriori informazioni su www.laboratorioprobabile.it

Categorie generali: 

Facebook Comments Box