Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 7 Marzo 2015

Un road movie in piena cultura biker per un prodotto che vanta nel cast anche un volto famoso delle storiche serie tv americane, David Ackroyd. "The Best Bar in America" è una produzione indie statunitense vincitrice al primo Motorcycle FilmFest

The Best Bar in America

In occasione dei Moto days arriva finalmente e Roma il biker movie più cool del momento, in programma al Nuovo Cinema Aquila per un unico spettacolo il 7 marzo alle ore 21.30: The Best Bar in America, regia di Eric e Damon Ristau con Andrew Rizzo, David Ackroyd, Lee Rizzo, Gregory Collett, Monique Lanier, Steve Hodgson, Amanda Cevallos, Walt Hefner. L'evento è n collaborazione con la rivista Special Cafè.

Avvia la prova gratuita su MUBI

A presentare il film con i distributori sarà presente anche David Ackroyd, attore co-protagonista del film, conosciuto per la sua lunga carriera nel mondo del cinema, del teatro ma, soprattutto, della televisione per aver partecipato a telefilm quali Dallas, MacGyver, A-Team, Riptide, La Signora in Giallo e altre serie del piccolo schermo. Una presenza sicuramente stimolante per l'audience grazie alla sua notorietà.

La Rodaggio Film presenta The Best Bar in America, la produzione indipendente statunitense vincitrice al primo Motorcycle Film Festival di New York, finalmente in distribuzione nei cinema italiani. Il film parla di un viaggio epico su una BMW R60/2 del 1960, con sidecar, attraverso i miti del west, con panorami esaltanti e pittoreschi il tutto contornato da locali per bevitori incalliti. Uno scrittore in crisi con un arduo lavoro: redigere una guida di tutti, ma proprio tutti, i bar dall’Arizona al Montana.

[Leggi anche: Primo film girato negli Stati Uniti per Andrea Arnold]

Un classic "road movie for the modern age" fatto di polvere e orizzonti a perdita d’occhio come solo le strade americane possono offrire, grandi amicizie e strani incontri, donne e sbronze, dove la cultura del bere e quella della motocicletta convivono in un ben composto equilibrio di humour, avventura e saggezza biker. Un po' come era successo per la simpatica commedia Svalvolati on the Road, che andava a riunire in un road movie attori con background diversi.

Ma la vera curiosità e innovazione è che la pellicola è stata girata tra amici ed una troupe ristretta, a costi decisamente contenuti; infatti la maggior parte delle spese sono state: la benzina e, soprattutto, gli alcolici consumati nei 64 bar visitati lungo le 10.000 miglia del suo itinerario, che annovera oltre 30 località differenti. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box