Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 7 Ottobre 2014

Il Festival romano dedicato al cinema asiatico è giunto al termine e ha premiato "The 7th Flavour" del cinese Feng Ya Ping come Miglior Film e "A Dream Of Iron" del sudcoreano Kelvin Kyung Kun Park. Entrambe le menzioni speciali per opere iraniane

Festival Asiatica 2014

Gli attesi premi hanno chiuso la quindicesima edizione di Asiatica - Incontri con Il Cinema Asiatico, festival storico diretto dal regista Italo Spinelli, che – a ingresso libero fino a esaurimento posti – ha portato dal 26 settembre al 4 ottobre 2014 nella capitale registi, artisti, personalità, con incontri e proiezioni legati ai temi e alle culture dell’Asia, presentando oltre 50 opere, quasi tutte inedite, con sette lungometraggi e sette documentari in concorso.

I membri della Giuria Film di Asiatica, Luigi Ontani, Gianni Massironi e Enrico Caria, hanno assegnato il Premio Città di Roma per il Miglior Film 2014 a The 7th Flavour di Feng Ya Ping (Cina) con la seguente motivazione: “Per la capacità di trattare un tema fondamentale come il rapporto tra la tradizione e la modernità, incorporandolo nelle due figure esemplari del maestro e dell’allievo che si incontrano e si scontrano. Per la sensibilità nel ritrarre l'incurabile personaggio femminile’’.

Menzione Speciale a I’m Not Angry! di Reza Dormishian (Iran) con la seguente motivazione: “Per un film coraggioso e indipendente che arricchisce le potenzialità del cinema civile, con un linguaggio moderno e sicuro anche grazie a una sceneggiatura ben strutturata; in un gioco di rimandi tra l’ostilità del contesto esterno e le ossessioni interiori dello straordinario protagonista.’’

I membri della Giuria Documentario, Luigi Di Gianni, Silvia Bonanni e Tommaso D’Elia, hanno assegnato il Premio Città di Roma per il Miglior Documentario 2014 a A Dream Of Iron di Kelvin Kyung Kun Park (Corea del Sud/USA) con la seguente motivazione: “Per l'impronta fortemente autoriale, per la forza evocativa delle immagini e l'uso suggestivo del sonoro, per la capacità di superare il confine tra documentario e finzione misurandosi con il linguaggio del cinema.’’

[Leggi anche: Roma: Al via la 15a edizione di Asiatica - Incontri con il cinema asiatico]

Menzione Speciale per i Documentari a Profession: Documentarist di Shirin Barghnavard, Firouzeh Khosrovani, Farahnaz Sharifi, Mina Keshavarz, Sepideh Abtahi, Sahar Salahshoor, Nahid Rezaei, (Iran), con la seguente motivazione: ''Per avere affrontato un tema politico e sociale di grande interesse attraverso un brillante ed efficace linguaggio cinematografico e restituendo un’immagine complessiva dei problemi del Paese molto chiara''.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box