Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 31 Ottobre 2014

In calendario ci saranno capolavori di Leone, Kazan, Ejšenštein e la produzione messicana del geniale Luis Buñuel: la rassegna va a recuperare il rapporto profondo tra l'artista Frida Kahlo e la fotografa Tina Modotti, nato con il benestare di Rivera

Tina Modotti e Frida Kahlo

Dal 3 al 9 novembre 2014, presso Spazio Oberdan della Provincia di Milano, Fondazione Cineteca Italiana presenta FRIDA KAHLO, TINA MODOTTI E IL MESSICO, una rassegna cinematografica che prende spunto dalla bellissima mostra su Frida Kahlo attualmente in corso a Palazzo Ducale a Genova e che mette a confronto due delle personalità più forti ed estreme dell’arte e della cultura del ‘900. La rassegna intende inoltre sottolineare il loro rapporto di sostegno morale ed intellettuale con il Messico della rivoluzione zapatista (1910-1917) e del decennio successivo.

Erano gli anni Dieci quando Tina Modotti, attrice e fotografa friulana (Udine, 1896), arrivò a Città Del Messico, animandone la vita culturale e raccogliendo intorno a sé intellettuali e artisti, fra i quali Diego Rivera, il più importante rappresentante del movimento muralista messicano e marito di Frida Kahlo (Cayocan, 1907). Separatamente prima, e insieme poi, Frida e Diego frequentarono e (forse) amarono l’affascinante fotografa italiana. Diego la raffigurò nei suoi murales più vibranti di passione civile, ne decantò in lunghi articoli l’occhio fotografico, capace di cogliere l’anima di indios, campesinos, e, in definitiva, del Messico più ancestrale e profondo. Frida, giovanissima, ne ammirò profondamente il talento e la personalità e istintivamente la adorò, nel modo totalizzante che era poi il suo unico modo d’amare e di vivere. E certamente la sua inconfondibile cifra pittorica fra tradizione e surrealismo (la Kahlo fu una musa anche per André Breton) venne influenzata dall’estetica fotografica della Modotti.

[Leggi anche: Francis Bacon al cinema: l'attualità della carne]

In programma, oltre ai titoli dedicati alla rivoluzione messicana di Elia Kazan, Sergio Leone ed Ejšenštein, anche i titoli 'messicani' di Buñuel: EL, film cardine dell’opera del regista, che racconta un'ossessione e i comportamenti che ne derivano, ricercandone gli agganci nell'esasperazione del possesso; I figli della violenza, presentato e premiato al Festival di Cannes nel 1951 e L’angelo sterminatore, uno dei suoi film più inquietanti, una commedia nera ricca di idee antiborghesi e anticlericali, una vicenda onirica in cui il surrealismo di Buñuel si manifesta in tutta la sua grandezza.

Tra gli altri titoli alcune opere molto rare: Frida, naturaleza viva, un film mai distribuito in Italia realizzato da Paul Leduc che, attraverso le parole di Frida, ci svela il lato più privato e inedito della sua straordinaria vita; Tinissima. Il dogma e la passione, documentario di recentissima produzione incentrato sull’amore di Frida verso Città del Messico.

Un documento cinematografico unico è poi The Tiger’s Coat, unico film sopravvissuto dei tre che Tina Modotti interpretò nella sua breve parentesi hollywoodiana precedente il suo arrivo a Città del Messico, a cui è associato Frida Kahlo & Tina Modotti, cortometraggio di Peter Wollen che mette a confronto le due artiste sotto lo sguardo di Diego Rivera.

In cartellone anche il film biografico di Julie Taymor, Frida, incentrato sulla relazioni amorose dell’artista, in cui Salma Hayek (Frida) e Ashley Judd (Tina) si abbandonano a un sensuale tango.

[Ti può interessare: Il diario di Frida Kahlo. Un autoritratto intimo]

 

SCHEDE DEI FILM E CALENDARIO

Lunedì 3 novembre

h 21 Frida, naturaleza viva

R.: Paul Leduc. Sc.: Paul Leduc, José Joaquin Blanco. Int.: Ofelia Medina, Juan José Gurrola, Max Kerlow, Claudio Brook, Salvador Sanchez. Messico, 1986, 108’, v.o. sott. it.

 

Mercoledì 5 novembre

h 16.45 Viva Zapata!

R.: Elia Kazan. Sc.: John Steinbeck. Int.: Marlon Brando, Anthony Quinn, Alan Reed, Jean Peters, Frank Silvera, Fay Roope. USA, 1952, 110’.

h 19 EL

R.: L. Buñuel. Sc.: L. Buñuel, Luis Alcoriza, dal romanzo omonimo di Mercedes Pinto. Int.: A. De Córdova, D. Garcés, A. Walker, C. M. Baena, L. Beristáin. Messico, 1952, b/n, 91’, ver. orig., sott. it.

h 21.15 Tinissima. Il dogma e la passione

R.: Laura Martinez Diaz. Messico/Italia, 2011, 52’.

 

Giovedì 6 novembre

h 19 I figli della violenza

R.: L. Buñuel. Sc.: L. Buñuel, Luis Alcoriza, con la collaborazione di Max Aub e Pedro de Urdimalas. Int.: M. Inclán, A. Mejía, E. Inda, R. Cobo, A. Delia Fuentes. Messico, 1950, b/n, 80’.

h 21 Frida

R.: Julie Taymor. Sc.: Diane Lake, Gregory Nava, Clancy Sigal, Anna Thomas. Int.: Salma hayek, Alfred Molina, Geoffrey Rush, Ashley Judd, Edward Norton, Antonio Banderas, Valeria Golino. USA/Canada, 2002, 118’.

 

Venerdì 7 novembre

h 17 L’angelo sterminatore

R.: L. Buñuel. Sc.: L. Buñuel, Luis Alcoriza. Int.: Silvia Pinal, Enrique Rambal, Lucy Gallardo, Enrique García Alvarez, Jacqueline Andere. Messico/Spagna, 1962, b/n, 93’.

h 19 Frida

R.: Julie Taymor. Sc.: Diane Lake, Gregory Nava, Clancy Sigal, Anna Thomas. Int.: Salma hayek, Alfred Molina, Geoffrey Rush, Ashley Judd, Edward Norton, Antonio Banderas, Valeria Golino. USA/Canada, 2002, 118’. Replica.

h 21.15 The Tiger’s Coat

R.: Roy Clements. Sc.: Jack Cunningham, Paul Schofield, dal romanzo omonimo di Elizabeth Dejeans. Int.: Tina Modotti, Lawson Butt, Myrtle Stedman, Miles McCarthy, Frank Weed.USA, 1920, 50’.

a seguire

Frida Kahlo & Tina Modotti

R. e sc.: Peter Wollen, Laura Mulvey. Mont.: Nina danino, Larry Sider. Int.: Frida Kahlo, Tina Modotti, Diego Rivera. UK, 1983, 29’, v.o. sott. it.

 

Sabato 8 novembre

h 14.30 EL

R.: L. Buñuel. Sc.: L. Buñuel, Luis Alcoriza, dal romanzo omonimo di Mercedes Pinto. Int.: A. De Córdova, D. Garcés, A. Walker, C. M. Baena, L. Beristáin. Messico, 1952, b/n, 91’, ver. orig., sott. it. Replica

h 16.30 Tinissima. Il dogma e la passione

R.: Laura Martinez Diaz. Messico/Italia, 2011, 52’. Replica

h 18 Giù la testa

R.: Sergio Leone. Sc.: Sergio Donati, S. Leone, Luciano Vincenzoni. Int.: James Coburn, Rod Steiger, Maria Monti, Romolo Valli, Franco Graziosi, Domingo Antoine. Italia, 1971, col., 154’.

h 21.15 Que viva Mexico!

R.: Sergej M. Ejšenštein. Sc.: G. Aleksandrov. Int.: Felix Balderas, Martin Hermandez, David Liceaga, Julio Saldivar. Messico/USA, 1932, 85’.

a seguire

Frida Kahlo & Tina Modotti

R. e sc.: Peter Wollen, Laura Mulvey. Mont.: Nina danino, Larry Sider. Int.: Frida Kahlo, Tina Modotti, Diego Rivera. UK, 1983, 29’, v.o. sott. it. Replica

 

Domenica 9 novembre

h 17 The Tiger’s Coat

R.: Roy Clements. Sc.: Jack Cunningham, Paul Schofield, dal romanzo omonimo di Elizabeth Dejeans. Int.: Tina Modotti, Lawson Butt, Myrtle Stedman, Miles McCarthy, Frank Weed.USA, 1920, 50’. Replica.

a seguire

Frida Kahlo & Tina Modotti

R. e sc.: Peter Wollen, Laura Mulvey. Mont.: Nina danino, Larry Sider. Int.: Frida Kahlo, Tina Modotti, Diego Rivera. UK, 1983, 29’, v.o. sott. it. Replica

h 18.45 Frida, naturaleza viva

R.: Paul Leduc. Sc.: Paul Leduc, José Joaquin Blanco. Int.: Ofelia Medina, Juan José Gurrola, Max Kerlow, Claudio Brook, Salvador Sanchez. Messico, 1986, 108’, v.o. sott. it. Replica.

h 21 L’angelo sterminatore

R.: L. Buñuel. Sc.: L. Buñuel, Luis Alcoriza. Int.: Silvia Pinal, Enrique Rambal, Lucy Gallardo, Enrique García Alvarez, Jacqueline Andere. Messico/Spagna, 1962, b/n, 93’. Replica

[Ti può interessare: Frida Kahlo. Biografia per immagini]

Categorie generali: 

Facebook Comments Box