Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 15 Aprile 2015

La figlia dell'immortale Charlie Chaplin ha inaugurato, come ospite d'onore, la quarta edizione del Festival internazionale del Cinema di Panama. "A mio padre devo tutto", ha detto Geraldine, "Oggi il miglior cinema si fa in America Latina"

Geraldine Chaplin

Il miglior cinema delle Americhe si fa a latitudini diverse da quelle hollywoodiane. Parola di Geraldine Chaplin. L’attrice statunitense, figlia dell’immortale Charlie Chaplin, ha presenziato come ospite d’onore all’inaugurazione della quarta edizione del Festival Internazionale del cinema di Panama e ha dichiarato: “In America Latina si fa un cinema straordinario, che mi piace tantissimo. Sono affamata di cinema fresco, giovane e di talento. Io vivo in Paesi pieni zeppi di veri e propri dinosauri" - Chaplin si divide fra Spagna e Svizzera - "a pensarci bene, qualcuno di bravo c’è anche lì, ma se si vuole conoscere qualcosa di speciale, un cinema speciale, allora bisogna venire qui”. 

Nonostante questa sua netta presa di posizione a favore del cinema latinoamericano, Geraldine Chaplin non ha scartato a priori la possibilità di un suo ritorno a Hollywood, se se ne presentasse la possibilità. “Non ho un rifiuto totale per Hollywood - ha detto -, ma come spettatrice al momento non sono interessata a ciò che offre. Penso ad esempio ai film col pensiero alla franchise, alla promozione di un marchio: ritengo essi siano delle vere e proprie offese alla sensibilità del pubblico. Come spettatrice, non voglio essere insultata con un prodotto trito e ritrito. Preferisco di gran lunga, dopo aver visto un film, tornare a casa e rifletterci su un po’, preferisco guardare film che mi facciano pensare a qualcosa”. 

[Leggi anche: Impareggiabile Geraldine Chaplin al Festival di Roma]

Geraldine Chaplin, classe 1944, protagonista del classico Il dottor Zivago del 1965, ha già recitato in diversi film argentini dei generi più diversi, senza risparmiarsi nemmeno in sperimentali progetti horror. “Generalmente, sono molto più interessata a quello che succede a queste latitudini artistiche, in particolare mi piacciono giovani registi come Lisandro Alonso e anche un film maker colombiano che risponde al nome di Ruben Mendoza. Mi piace lavorare con bravi registi a prescindere dal genere. Se un bravo regista vuole che io interpreti una sedia, allora sarò una sedia”.

Su suo padre Charlie ha dichiarato: ”Lui è il mio eroe, mi ha aperto tutte le porte”. Del padre, durante il Festival di Panama sarà presentato Il Monello. Geraldine parteciperà al dibattito dopo la proiezione.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box