Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 7 Febbraio 2015

Da Renée Zellweger a Jennifer Connelly, passando per Jean Dujardin e Jennifer Hudson, ecco i recenti vincitori di Oscar che hanno visto le proprie carriere andare nell'oblio piuttosto che decollare

Renee Zellweger in Il diario di Bridget Jones

Si svolgerà il 22 Febbraio l'attesissima Notte degli Oscar, nella quale verranno incoronati, tra gli altri, i migliori attori e attrici dell'anno. Vincere un Academy Award potrebbe significare la celebrazione dell'inizio o del punto più alto della propria carriera, e così è stato per molti, ma non certamente per tutti. Infatti, invece di decollare, diversi interpreti si sono visti troncare il proprio percorso, come se quella statuetta d'oro gli avesse portato addirittura sfortuna. Vediamo alcuni esempi da queste ultime edizioni...

Avvia la prova gratuita su MUBI

Solamente tre anni fa Jean Dujardin trionfava come Miglior Attore Protagonista per The Artist battendo nomi come quelli di George Clooney e Brad Pitt. Doveva essere il suo lancio nel panorama internazionale, ma nonostante una veloce comparsata in Wolf of Wall Street di Scorsese, ad oggi i cinefili faticano a ricordarsi il suo nome. Non è andata meglio a Mo'Nique, che trionfava nel 2010 come Miglior Attrice Non Protagonista per Precious: da allora ha fatto solo un film, Blackbird di Patrick-Ian Polk, acquistato per la distribuzione da ben zero paesi. Zero!

Che dire poi di Jennifer Hudson, anch'essa Miglior Non Protagonista nel 2007 per Dreamgirls. Si aspettava forse l'inizio di una favolosa carriera cinematografica, ma a parte un ruolo in Sex and the City, per adesso si è dovuta accontentare di opere tutt'altro che gloriose: Il giorno del destino, La vita segreta delle api, Winnie, Black Nativity, I tre marmittoni. Ne conoscete qualcuno? Ecco, appunto.

Ma il caso più eclatante potrebbe essere quello di Renée Zellweger. Prima di vincere l'Oscar aveva una bellissima carriera che comprendeva film come Il diario di Bridget Jones, Jerry Maguire, e Chicago. Poi, nel 2004 è arrivata la statuetta per Ritorno a Cold Mountain, e nel giro di un paio d'anni, finisce praticamente nel dimenticatoio. Oggi si parla di lei solamente perché dalle ultime foto è diventata irriconoscibile: un peccato, in quanto abbiamo sempre pensato fosse un'attrice carismatica, particolare, e talentuosa. 

[Leggi anche: Hollywood: Attori e attrici che hanno fatto flop commerciali e artistici nel 2014]

Altri esempi? Jennifer Connelly è passata in seconda mano dopo la vittoria per A Beautiful Mind, collezionando una serie di flop tra cui l'ultimo Storia d'inverno di Akiva Goldsman, dove recita nuovamente a fianco di Russell Crowe. E, nonostante abbia battuto rivali del calibro di Jack Nicholson e Daniel Day Lewis, non si può certamente dire che la carriera di Adrien Brody sia stata in ascesa dal 2003, anno in cui ha vinto l'Oscar come Miglior Attore per Il Pianista di Polanski.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box