Ritratto di Simona Carradori
Autore Simona Carradori :: 11 Febbraio 2017

Stanley Kubrick è uno dei registi più visionari che la storia del cinema possa ricordare. Eppure non è stato solo un grande autore, ma un amante del cinema a 360°, tanto che nei suoi lavori si nota spesso l'influenza di altri titoli o autori. Quali?

un'influenza su Shining

Stanley Kubrick è uno dei registi più influenti e visionari che la storia del cinema possa ricordare. Capolavori senza tempo come 2001: Odissea nello spazio, Shining, Arancia Meccanica, Eyes Wide Shut o Il dottor Stranamore sono stati essenziali non solo in quanto iconici e ineguagliabili, ma in quanto titoli che vantano il merito di aver influenzato gran parte del cinema post-kubrickiano, ispirando grandi cineasti e menti provenienti da tutto il mondo.

Eppure Kubrick non è stato solo un grande regista, ma un vero e proprio amante del cinema a 360 gradi, tanto che nei suoi lavori troviamo spesso citazioni e omaggi ad altri autori o film, quei film e quegli autori che ne hanno influenzato il genio e l’estro creativo, il cui impatto è riscontrabile in molte sue opere.

Un esempio lampante è Funeral Parade of Roses di Toshio Matsumoto, che può essere considerato uno dei film che maggiormente ha ispirato Kubrick per la realizzazione di Arancia Meccanica. L'influenza di quest'opera è individuabile sia per quanto riguarda una serie di scelte di regia, sia per le tecniche utilizzate nella rappresentazione della violenza e delle allusioni sessuali. Senza contare l’elemento stilistico, la cui influenza è evidente in tutta la composizione del film e nell’estetica dei personaggi.

Un altro titolo che ha particolarmente ispirato Kubrick è lo svedese The Phantom Carriage - Il carretto fantasma di Victor Sjostrom, che va ringraziato da tutti i fan di Shining per la scena più iconica del film: quella in cui Jack Nicholson sfonda la porta a colpi di accetta per poi terrorizzare la povera moglie con il suo inquietante sorriso. Ebbene, in questo film del 1921 possiamo vedere una sequenza molto simile in cui il protagonista entra con la stessa modalità in una stanza in cui sono intrappolati una donna e i suoi bambini.

Sempre per quanto riguarda Shining, anche L’anno scorso a Marienbad di Resnais è stato una forte fonte di ispirazione. Quest’opera della Nouvelle Vague è ambientata in una gigantesca villa successivamente trasformata in hotel, dove i protagonisti sono tormentati da numerosi flashback spesso privi di continuità narrativa, un po’ come avviene nel film di Kubrick. Inoltre, tecnicamente parlando, i movimenti della videocamera e le lunghe riprese utilizzate in Shining per mostrare gli interni dell’Overlook Hotel, sono analoghi a quelli visibili nella pellicola di Resnais.

Tra gli altri interessanti titoli che hanno lasciato una grande eredità al cinema di Kubrick possiamo anche citare I Vitelloni di Fellini, Lo straccione di Carl Reiner, Il piacere e l’amore di Max Ophuls, The human condition di Masaki Kobayashi e Vinyl di Andy Warhol.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box