Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 25 Aprile 2015

Negli Stati Uniti si avvicinano le elezioni presidenziali, previste per il 2016. Chiusa l'era di Obama, Hillary Clinton è in corsa per la Casa Bianca e chiede il sostegno del mondo del cinema. Ce la farà?

Il candidato alla Casa Bianca Hillary Clinton

Hillary Clinton ha annunciato che il prossimo 7 maggio sarà a Los Angeles per tenere tre eventi di raccolta fondi per la sua campagna di candidatura alle elezioni presidenziali previste nel 2016. Il primo evento sarà una colazione per sole donne del costo di circa 2.700 dollari per partecipante, quindi un pranzo e un evento serale il cui “biglietto” costerà lo stesso prezzo. Hillary Clinton è fermamente intenzionata a raggiungere il traguardo di essere la prima donna presidente degli Stati Uniti d’America e per questa sta preparando una campagna elettorale faraonica, che raggiungerebbe cifre (nell’ordine di miliardi di dollari) senza precedenti, che raddoppierebbero quelle spese da Barack Obama.

Per questi motivi, Clinton starebbe puntando con forza a ricevere “assegni” da facoltosi donatori e avrebbe già ottenuto il consenso di molti esponenti del mondo della moda, del cinema e dello spettacolo su cui può contare a Hollywood. Di sicuro, la candidata presidente, dovrà darsi molto da fare dopo le ripetute notizie che hanno parlato di finanziamenti illeciti ricevuti dalla Clinton Foundation (associazione filantropica non governativa fondata col marito Bill), le rivelazioni sull’utilizzo di account di posta elettronica personale per messaggi che contenevano informazioni governative, lo shock per le notizie su un ipotetico favoreggiamento per un’agenzia atomica russa.

[Leggi anche: Barack Obama lancia la seconda edizione del White House Student Film Festival]

Hollywood cosa farà? Riuscirà a passare sopra a tutte queste ombre? Resta certo che la candidatura di Hillary Clinton conferma ancora una volta che la politica “made in Usa” è affare per poche grandi dinastie familiari: dai Kennedy, ai Bush, quindi i Clinton. Forse è proprio per indagare questo genere di meccanismi dal sapore “oligarchico” che Kevin Spacey (straordinario protagonista di House of Cards, serie di successo sugli efferati intrighi di potere) sta pensando proprio di produrre una serie sulla Casa Bianca. Ancora è presto per sapere quando uscirà e cosa riguarderà di preciso, né è dato sapere se porterà soldi e voti, e soprattutto a chi.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box