Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Aprile 2015

Grazie a Nomad Film, il 16 Aprile uscirà finalmente in Italia "The Fighters - Addestramento di vita (Les Combattants)", debutto di Thomas Cailley e già vincitore di ben 3 César (tra cui Miglior Attrice) e di svariati riconoscimenti a Cannes

The Fighters - Les combattants

Uno dei film francesi più celebrati dell'anno trova finalmente una distribuzione italiana. Trattasi di Les Combattants, che qui da noi uscirà col titolo The Fighters – Addestramento di vita a partire dal 16 Aprile grazie a Nomad Film. La pellicola, diretta da Thomas Cailley, sembrerebbe una tipica storia d'amore dove “lui incontra lei”, se non fosse che la “lei” in questione sia una tipa particolarmente ansiosa e il suo opposto. Siamo in Aquitania, il sole è caldo e per Arnaud sembrerebbe la perfetta estate per rilassarsi, almeno fino a quando non conosce Madelaine, ragazza brusca, tesa, e perennemente pervasa da profezie apocalittiche. Arnaud vorrebbe semplicemente godersi le cose che ha attorno e farsi due risate; Madelaine, invece, preferisce correre via, affrontare sfide, spingersi oltre i propri limiti. Dove li condurrà l'amore?

Il film ebbe la sua anteprima mondiale al Festival di Cannes l'anno scorso, dove vinse il premio della critica nella sezione Quinzaine des Réalisateurs, così come il Label Europa Cinemas. A seguire sono inviti nelle più svariate manifestazioni internazionali, da Il Cairo ad Amburgo, fino all'inconorazione ufficiale agli ultimi César, gli Oscar francesi, dove l'opera ha avuto ben 9 nomination, vincendo poi tre statuette: Miglior Attrice (la brava Adèle Haenel, già musa di Celine Sciamma e Bertrand Bonello), Attore più promettente (Kévin Azaïs) e Miglior Film d'esordio. Buona l'accoglienza della critica: per Cine-vue, “Les combattants è una commedia espertamente gestita, brillantemente eseguita, e con un twist originale”, mentre per French Cinema Review “non ci sono dubbi che Les combattants sia un debutto fortemente riuscito”.

[Leggi anche: Il nuovo film di Leos Carax è un musical "iperstilizzato"]

Insomma, il cinema francese sembrerebbe proprio continuare a partorire talenti da seguire con interesse. Meno male che a porre attenzione a questi film meno battuti ci sia la Nomad, che ringraziamo per il suo costante supporto a pellicole internazionali che altrimenti non sarebbero mai riuscite ad arrivare qui da noi.

Tra gli altri importanti titoli che ha distribuito negli ultimi anni, ricordiamo La quinta stagione di Peter Brosens e Jessica Woodworth, Captive di Brillante Mendoza, e Il superstite di Paul Wright. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box