Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Maggio 2016

Cose mistiche all'orizzonte: niente di meno che un biopic sull'uomo meno biograficabile dell'industria cinematografica, il sommo Jean-Luc Godard!

Jean-Luc Godard

Cose mistiche all'orizzonte: niente di meno che un biopic sull'uomo meno biograficabile dell'industria cinematografica, il sommo Jean-Luc Godard! I fan staran già tremando, anche perché, pensate un po', il progetto sarà addirittura un romance incentrato sulla storia d'amore tra il regista e l'attrice Anne Wiazemsky scoppiata sul set di La cinese nel 1967. Assieme, i due avrebbero poi realizzato altre pellicole (da Weekend a Crepa padrone) consolidando il proprio rapporto sia sul grande schermo che fuori, prima di divorziare nel 1979.

A dirigere l'operazione sarà Michel Hazanavicius, che durante la stagione 2011/2012 vinse praticamente tutti i premi più importanti dell'industria americana per The Artist, compreso l'Oscar come Miglior Film e Regia. Allora aveva concepito una lettera d'amore verso il cinema muto; adesso, invece, renderà omaggio non solo al maestro Godard, ma a tutta la nouvelle vague... dite che possano esserci anche delle comparsate di François Truffaut, Eric Rohmer e soci? 

In scena, due tra gli interpreti più lanciati del panorama internazionale: JLG sarà interpretato da Louis Garrel (ok, non ci somiglia per nulla, ma è il carisma a vincere), mentre la Wiazemsky avrà il volto dell'ex ninfomane vontrieriana Stacy Martin. Il progetto inizierà a cercare distributori in giro per il mondo durante il prossimo Festival di Cannes (11/22 maggio), e noi, davvero, siamo curiosissimi fino al midollo.

[Leggi anche: Cinque film essenziali per avvicinarsi a Godard]

Ha dichiarato Vincent Maraval di Wild Bunch, compagnia che sta attualmente gestendo il film: “Non sarà esattamente una commedia, ma sarà leggero e affettuoso nello stile”. Leggero e affettuoso? Il contrario di Godard, insomma.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box