Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 12 Dicembre 2014

Bond vola in paracadute su Ponte Sisto, inseguimenti lungo il Tevere e un crash annunciato tra una Fiat 500 e la Aston Martin di 007: Roma si prepara ad accogliere la produzione di "Spectre", che spenderà 60 milioni ma con sgravi fiscali del 25%!

James Bond

Mentre le prime riprese proseguono in quel di Londra ai Pinewood Studios, Spectre prepara l'arrivo di Bond in Italia: Roma infatti ospiterà cinque settimane di riprese che dovrebbero svolgersi intorno alla metà del 2015 e porterebbero nelle casse italiane la cifra netta di 62 milioni di dollari, che corrispondono circa a 50 milioni di euro. 

La fetta del budget totale è considerevole se si pensa che questo dovrebbe aggirarsi intorno ai 300 milioni di dollari abbondanti, secondo quanto indicato dalle e-mail della Sony messe online dopo l'attacco hacker. La somma per l'Italia riguarda sequenze di inseguimenti in automobile, lanci con il paracadute e voli in elicottero, tutte collocate in vari punti della città eterna. Pare che Via Nomentana sarà chiusa al traffico per più giorni e illuminata in modo da girare scene diurne durante la notte.

[Leggi anche: Hacker Sony: Rivelate e-mail scottanti che insultano Angelina Jolie]

Quindi i disagi per la popolazione saranno limitati visto che le riprese si svolgeranno soprattutto di notte, come afferma Luciano Sovena di Roma Lazio Film Commission. Indiscrezioni parlano di un inseguimento in auto ad altà velocità lungo il Tevere con una macchina a finire, prevedibilmente, dentro il fiume e di James Bond che si lancia col paracadute da un elicottero per planare su Ponte Sisto.

Altri inseguimenti sono previsti nel centro storico, tra i vicoletti intorno a Piazza Navona, vicino alla Fontana di Trevi e in prossimità del Vaticano, dove una Fiat 500 incontrerà sulla sua strada la Aston Martin DB10 di 007. Non mancheranno riprese con i droni, pianificate dal direttore della fotografia Hoyte Van Hoytema.

[Leggi anche: Anche la Bellucci nel cast del nuovo Bond, che si chiamerà Spectre]

La produzione si fa forza degli sgravi fiscali del 25% dei quali possono godere, girando in Italia, produzioni internazionali: il tetto massimo di tale sgravo è arrivato quest'anno ai 12,4 milioni di dollari, quindi 10 milioni di euro. Il prossimo anno inizierà proprio in Italia il remake di Ben Hur, prodotto da MGM e Paramount.

Altre location di Spectre saranno Tangeri e Erfoud in Marocco, Mexico City, e Sölden, Obertilliach e Lake Altaussee in Austria.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box