Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 24 Marzo 2015

Augustì Villaronga si appresta a battere il primo ciak del suo prossimo film, "El rey de La Habana": girato nella Repubblica Dominicana e non a Cuba per mancato permesso, narrerà la storia di un giovane alla ricerca di una storia d'amore "normale"

Augustì Villaronga

S'intitola El rey de La Habana il nuovo film del regista di Pa negre, Augustì Villaronga, co-prodotto dalla Repubblica Dominicana (paese in cui si svolgono le riprese dopo che al regista è stato negato il permesso di girarlo a Cuba) e le cui riprese sono cominciate la settimana scorsa.

L’adattamento dell'omonimo romanzo di Pedro Juan Gutiérrez (famoso per il suo Trilogía sucia de La Habana) narra nuovamente, come solito nella filmografia del regista di Maiorca, una storia con protagonista un giovane, il picaro Reinaldo, che scappa dal riformatorio e sopravvive per le strade dell’Avana nel duro “periodo speciale” degli anni ‘90. Dopo aver incontrato la sensuale Magda, con cui vivrà una torrida storia d’amore, rum e sesso, il protagonista cercherà di formare una famiglia “normale”, mentre una crisi brutale affliggerà l’isola.

[Leggi anche: "Mi gran noche": al via le riprese della nuova bizzarra commedia di Álex de la Iglesia]

Ad interpretare questo dramma i volti poco noti – alcuni esordienti – di Maykol David, Yordanka Ariosa, Héctor Medina, Ileana Wilson, Chanel Terrero e Jazz Vila. Il direttore della fotografia sarà Josep Maria Civit – collaboratore abituale dello scomparso Bigas Luna – , che lavorerà nuovamente con Villaronga dopo la miniserie Cartas a Eva. Alain Ortiz sarà il direttore di produzione, María Gil la responsabile dei costumi, Raúl Morán quello del montaggio e Joan Valent quello della colonna sonora.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Il film, che ci si augura possa esser pronto in tempo per partecipare alla prossima edizione del Festival Internazionale di San Sebastian, è prodotto da Pandora Cinema, Tusitala (per parte spagnola) e Esencia Films (Repubblica Dominicana), con la partecipazione di TVE, Canal+, Televisió de Catalunya, Ibermedia, ICEC e ICAA, mentre della sua distribuzione in Spagna e fuori si occuperà Filmax.

Villaronga cerca un ritorno al lungometraggio vincente dopo parecchie esperienze sul piccolo schermo con le serie televisive, intervallate dal Premio Goya per il Miglior Film ottenuto con il sopracitato Pa negre nel 2010. Villaronga aveva iniziato decenni fa nel mondo del cinema con alcuni cortometraggi. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box