Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 19 Gennaio 2015

Sam Rockwell, che interpreta il padre dei due bimbi, annuncia che il tenore del remake di "Poltergeist" non sarà horror, bensì un'operazione in 3D pensata come un'avventura per bambini. Sam Raimi, alla supervisione, ha così una grossa responsabilità

Poltergeist

Sam Rockwell, che interpreterà il padre di un bambino disturbato nell'imminente remake di Poltergeist, ha annunciato che il film sarà più un prodotto per bambini rispetto all'originale di Tobe Hooper, che aveva delle derive dichiaratemente horror in un contesto da thriller paranormale. La rivisitazione sarà girata in 3D da Gil Kenan, con la supervisione di Sam Raimi, con la presenza di Jared Harris nei panni di un accademico riciclatosi in presentatore tv di uno show chiamato "Haunted House Cleaners".

Avvia la prova gratuita su MUBI

Rockwell ha detto che questa volta il protagonista sarà il ragazzino di 10 anni, mentre nell'originale era l'indimenticabile JoBeth Williams; quindi il punto di vista sarà ora quello del fratellino: "Si tratta di un film per bambini e non so se sarà censurato per scene spaventose. Non è il tipo di paura che si vede in The Conjuring - L'evocazione; è un tipo di film diverso, più avventuroso. Essenzialmente una sorta di schiavitù psicologica di un bambino, come del resto lo era il primo".

Il film dovrebbe arrivare nelle sale americane questa primavera e in estate nel Regno Unito. Rosemarie DeWitt interpreta la moglie di Sam Rockwell.

[Leggi anche: Notte di Halloween. I film più spaventosi dell'infanzia. Qual è la tua "Notte Horror"?]

Non si sa quanto la notizia di una tangente "per bambini" possa entusiasmare i fan di Hooper e dello straordinario cult del 1982, che tra l'altro porta con sé storie maledette e incidenti inspiegabili avvenuti sul set e al cast durante la lavorazione. Insomma, si è capito che il remake stempererà gran parte delle sequenze da panico che non fecero dormire i bambini dell'epoca per settimane. L'affermazione di Rockwell sulla non compatibilità con pellicole come The Conjuring è un'altra mazzata per gli appassionati, perché quel film, così come la saga di Insidious, aveva riportato un gusto un po' vintage ai palati degli esperti di horror anni Settanta, mentre l'annuncio del 3D e dell'avventura per bambini sono dettagli inquietanti non nell'accezione sperata.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box