Ritratto di Silvia Ricciardi
Autore Silvia Ricciardi :: 10 Giugno 2015

Hanno avuto inizio ieri a Bruxelles le riprese di "L’Economie du Couple", nuovo lungometraggio di Joachim Lafosse con protagonisti Bérénice Béjo e Cédric Kahn nei panni di una coppia giunta alla separazione forzata in casa

Bérénice Béjo

Le riprese del nuovo lungometraggio di Joachim Lafosse, dal titolo L’Economie du Couple, hanno avuto inizio ieri a Bruxelles e dovrebbero terminare intorno al 10 luglio. Questa sarà la prima pellicola a cui Joachim Lafosse non ha contribuito come sceneggiatore, infatti il soggetto di L’Economie du Couple non porta la sua firma, ma quella della coppia Mazarine Pingeot - Fanny Burdino e di Thomas Van Zuylen.

Il lungometraggio si presenta come un vero e proprio intimo dramma familiare, incentrato sull’analisi approfondita dei tipi umani, con protagonisti Bérénice Béjo e Cédric Kahn. L’evento scatenante è rappresentato dalla separazione che avviene tra Marie e Thierry, i quali decidono di lasciarsi dopo dieci anni trascorsi insieme. Marie ha acquistato l’appartamento, è suo di diritto, è il luogo dove ha cresciuto i due bambini avuti con Thierry. Dal canto suo Thierry ha provveduto a rinnovare l’abitazione, è stato l’artefice di ingenti modifiche. Quest’ultimo non possiede i mezzi economici per procurarsi una nuova casa, quindi i due sono costretti a coabitare, nonostante il reciproco desiderio di porre fine alla loro relazione. Nel corso della convivenza forzata, la coppia cercherà con ogni mezzo a disposizione di preservare ciò che ognuno crede di aver donato all’altro.

Il film, le cui riprese vedono un inizio rigorosamente a porte chiuse, vuole rappresentare uno slancio verso il passato, verso l’analisi di problematiche condivise non solo dal singolo, ma dalla società tout court. Dopo aver portato a termine il progetto esposto in Les Chevaliers Blancs, in uscita dopo l’estate e liberamente ispirato allo scandalo umanitario dell’Arche de Zoé, Joachim Lafosse torna ad analizzare problematiche universali. 

Ricordiamo che abbiamo visto il regista non solo dietro, ma anche davanti la macchina da presa. Infatti, lo scorso maggio a Cannes è stato uno degli interpreti di Les Anarchistes di Elie Wajeman. Non solo, Lafosse ha recitato anche in Tirez la langue Mademoiselle di Axelle Ropert, uscito nelle sale cinematografiche nel 2013.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box