Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 7 Ottobre 2015

Sono iniziate a Torino le riprese del nuovo film di Louis Nero, "The Broken Key", thriller dagli echi decisamente intrippati. Nel cast, tra gli altri, troviamo Geraldine Chaplin, Michael Madsen, Franco Nero, Keith Carradine e Rutger Hauer

Geraldine Chaplin

Si stanno attualmente svolgendo a Torino le riprese di The Broken Key, nuova opera di Louis Nero, apprezzato cineasta indie italiano già responsabile di pellicole come Hans, Rasputin e Pianosequenza: insomma, film decisamente lontani dal dilagante mainstream a cui ci hanno abituati i produttori italiani, e che proprio per questo non hanno mancato di attirare l'attenzione dei cinefili in perenne ricerca di visioni alternative, di un cinema italiano più personale, riflessivo, e magari pure sperimentale.

Stavolta, Nero godrà di un cast internazionale da far invidia ad altri autori ben più rodati, a iniziare da Geraldine Chaplin, figlia dell'immenso Charlot la cui carriera vanta titoli come Parla con lei di Pedro Almodovar, Il dottor Zivago di David Lean e L'età dell'innocenza di Martin Scorsese. Ad affiancarla, tra gli altri, Rutger Hauer (Blade Runner, Batman Begins), Michael Madsen (Kill Bill, Le iene), F. Murray Abraham (Amadeus, Grand Budapest Hotel), Keith Carradine (I duellanti, Nashville), Franco Nero (Django, Letters to Juliet), Maria De Medeiros (Pulp Fiction, La mia vita senza me) e Philippe Leroy (Il portiere di notte, Nikita). 

[Leggi anche: "Altro che Hollywood, il cinema latino-americano è il top", lo dice Geraldine Chaplin]

Al centro della narrazione, un futuro distopico in cui la carta è diventata un bene rarissimo, motivo per cui stampare è ormai considerato un reato. A seguire saranno degli omicidi attorno ad un'importante corporazione che tutto governa, e toccherà ad un giovane investigatore scovare i colpevoli, attraverso una tortuosa indagine che lo porterà addirittura a seguire le tracce di Dante e del pittore Hieronymus Bosch. Insomma, praticamente un trip!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box