Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 31 Agosto 2014
Boxtrolls - Le scatole magiche locandina

Recensione di Boxtrolls - Le scatole magiche: I Minion in versione dark e lerci protagonisti di un cartone animato tanto elementare quanto funzionale. I bambini si divertiranno, e agli adulti magari lascerà un sorriso. Fuori Concorso a Venezia 71

Sono una specie di Minion in versione dark: l’aspetto è leggermente più lercio, sporco e mostruoso, ma la simpatica pucciosità è la medesima. Troll da scatola o Boxtrolls, i protagonisti della pellicola di Graham Annable e Anthony Stacchi, già nei team di cartoni come ParaNorman e Coraline. Anche stavolta l’animazione è impeccabile, merito di un reparto tecnico che ha in cura ogni singolo dettaglio visivo della pellicola, una gioia assoluta per gli occhi nonostante la plastilina ci susciti sempre una certa sensazione di weirdo. I bambini avranno di che divertirsi con le avventure di un bebè adottato e cresciuto da questi piccoli mostriciattoli, e forse persino gli adulti potranno distendersi per godere lo spettacolo di una narrazione tanto elementare quanto funzionale, in cui a ingranare maggiormente è l’esecuzione a prova d’intoppi.

Certo, la pellicola non ha i virtuosismi di sceneggiatura o la poesia commovente di certi standard Pixar / Disney / Dreamworks, ma mantiene la sua dignità grazie a un approccio genuino che ha spesso del tenero, talvolta del toccante: mai si sghignazza a crepapelle, morendo nella sala fra scroscianti applausi d’approvazione, eppure il sorriso, magari leggero ma sincero, è perennemente presente e instancabile davanti alle immagini e alle situazioni che si materializzano sul grande schermo, arricchite dalle musiche di un Dario Marianelli in forma smagliante, le cui note accompagnano con empatia un racconto fatto di accettazione, padri assenti, villain filosofici, amicizia e allergie deformanti.

Dopo la sua presentazione qui alla 71° Mostra Del Cinema di Venezia, Boxtrolls – Le scatole magiche uscirà nelle sale italiane il 2 Ottobre; sappiate che col doppiaggio, purtroppo, si perderanno le voci originali di un rinomato cast formato da Ben Kingsley, Elle Fanning, Simon Pegg, Toni Collette e Isaac Hempstead Wright, ma poco male. Il nostro unico consiglio è di evitare di guardarlo in 3D, in quanto la tecnologia stereoscopica non aggiunge assolutamente nulla all’opera ed è anche piuttosto inutile, oltre ai soliti problemi legati all’uso di questi famigerati occhialini, che comprendono un assoluto oscuramento delle immagini, in barba alle tanto gustose esplosioni cromatiche.

Trailer di Boxtrolls - Le scatole magiche

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box