Ritratto di Camilla Maccaferri
Autore Camilla Maccaferri :: 3 Settembre 2014
Locandina di Comportamenti molto... cattivi

Recensione di Comportamenti molto... cattivi di Tim Garrick: Tentativo fallito di speziare il solito format di commedia teen disastrosa con elementi surreali che risulta confuso e a tratti irritante con la ex-star Disney Selena Gomez

D’estate, si sa, le sale cinematografiche si spopolano proporzionalmente al popolamento delle spiagge (in Italia, perché ben altro accade negli States, dove spesso i blockbuster più sugosi vengono riservati a questa stagione): per i pochi derelitti che restano in città e si ostinano a voler frequentare il cinema non resta che il piacere dell’aria condizionata e del pop-corn. I cartelloni estivi sono infatti quanto di più desolante ci sia, tra fioriture di horror brutti e commedie deprimenti. Non fa eccezione Comportamenti molto... cattivi (macchinosa traduzione dell’originale Behaving Badly), filmetto per adolescenti che si sforza di essere originale a tutti i costi, cosa che rende ancora più irritante lo scivolone retorico finale.

Tratto dal romanzo autobiografico While I’m dead, feed the dog di Ric Browde, ma disconosciuto dallo stesso autore a causa della distanza dal materiale di partenza, Comportamenti molto... cattivi fin dalle prime battute cerca di ammiccare irritantemente allo spettatore, con il protagonista sedicenne Ric (Nat Wolff) che guarda in macchina e spiega a ritroso come ha fatto a mettersi nei guai. Tra “MILF” assatanate, amici imbranati, genitori disfunzionali e catene di improbabili equivoci, Ric cercherà di conquistare il cuore dell’amata Nina (Selena Gomez).

Ambendo a immergere la solita vicenda di teenager pasticcioni in un’atmosfera vagamente surrealista, il regista Tim Garrick, al suo esordio sul grande schermo, inserisce a sproposito la figura di una santa discinta e svampita, direttamente inviata dall’Onnipotente a Ric per guidarlo nel difficile percorso di crescita. Ma i tentativi di sperimentare (i ralenti, le immagini riavvolte che si ripetono, le sequenze oniriche) cozzano fragorosamente contro i dialoghi intrisi di moralismo zuccheroso che vengono affidati alla paffuta Selena Gomez, nel ruolo di una pudica fanciulla con ambizioni sacerdotali. Si finisce invischiati in un gran pasticcio, indeciso sulla direzione da prendere, confusionario, con aspirazioni da commedia indipendente e grandi cadute nella retorica più bieca. Non mancano, naturalmente, nudità a profusione: il pretesto per mostrarle è l’amicizia di Ric con il gestore di un lap-dance club.

Il protagonista è piuttosto antipatico e, anziché empatizzare con le sue disgrazie, viene voglia di augurargliene di nuove, la Gomez è imbambolata e petulante, i personaggi di contorno scialbi. A salvarsi nel marasma è la colonna sonora, dove spiccano brani di Cure e New Order. Simpatica ma fugace e muta apparizione dell’idolo teen più odiato del web, Justin Bieber, nel ruolo di un detenuto.

Trailer di Comportamenti molto... cattivi

Voto della redazione: 

2

Facebook Comments Box