Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 18 Luglio 2016

Un video di 4 Minute Film School spiega quali sono i movimenti più comuni da fare se si utilizza un Gimbal o se si tiene la mdp a mano

Birdman

Oggi vi chiediamo di imparare un termine tecnico: Gimbal. Il Gimbal è un componente che si fissa sulle macchine da presa – o sui droni, altri dispositivi su cui viene usato molto spesso – per stabilizzare le immagini. È un supporto cardanico che lavora su due o tre assi che regola automaticamente l’inclinazione verticale ed orizzontale del supporto per ottenere immagini quanto più stabilizzate. Questa potrebbe essere un’introduzione teorica generale, ma per imparare qualcosa di più viene in nostro aiuto un breve video di 4 Minute Film School in cui Ted Sim dialoga con Casey McBeath, un operatore professionista che si occupa di Gimbal. I due ci daranno qualche dritta e soprattutto spiegheranno quali sono i sette movimenti di camera basilari che si possono compiere con un Gimbal.

È interessante  perché questi consigli per video maker possono essere utili anche se non si dispone di tutta l’attrezzatura. Visto che si parla di stabilizzare l’immagine infatti questi movimenti di macchina sono utili anche per le riprese con la macchina a mano, una tecnica che sembra facile ma che in realtà richiede un’assoluta padronanza del mezzo a meno che non vogliate esagerare con l’effetto “mal di mare”.

Il primo movimento preso in considerazione è quello della carrellata che può essere usata sia per distanziare che per avvicinare al posto dello zoom. Ciò che i due protagonisti del video vogliono sottolineare è il significato dato da determinate scelte e infatti spiegano come l’avvicinarsi o l’allontanarsi della macchina da presa da un oggetto serva a far concentrare lo spettatore sugli elementi messi in campo dal regista.

[Leggi anche: Il piano-sequenza nella storia del cinema]

Un altro effetto è chiamato “booming” e consiste nell’alzare o abbassare la macchina da presa rimanendo su un asse verticale. Questo è usato soprattutto per rivelare qualcosa di nuovo, se poi avete visto Elephant di Gus Vant Sant o Shining di Kubrick non vi servirà molto tempo per capire di cosa si parla quando si dice “follow/lead shot” ovvero quel movimento – che può essere effettuato con una steadicam che letteralmente insegue il personaggio frontalmente o dal retro.
Per scoprire gli altri trucchi è possibile guardare il video presente in questa pagina, buona visione e buon cinema!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box