Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 26 Ottobre 2014

Contrariamente al parere della critica, "consigliato solo a chi è interessato al cinema per adulti", il film nato dal best-seller di Zane sta piacendo al pubblico americano. Il thriller "Addicted" racconta di una gallerista dipendente dal sesso

Addicted

Dopo meno di due settimane di programmazione nelle sale cinematografiche americane, il thriller erotico Addicted ha quasi triplicato la cifra del budget: costato solo 5 milioni di dollari, la pellicola ne ha già incassati quasi 13. L'"addiction" alla quale il titolo fa riferimento è quella della dipendenza dal sesso di cui la protagonista soffre, non riuscendo proprio a non cedere alle lusinghe degli uomini che le si fanno incontro. Il che non sarebbe poi tanto male, a parte il fatto che la donna ha una famiglia apparentemente felice.

Il film è tratto dal best-seller di Zane (Kristina Roberts) e vede come protagonista Sharon Leal, che interpreta la gallerista di successo Zoe Reynard, che si mette nei guai quando la sua fissazione per il sesso la manda completamente fuori dai binari e ne condiziona la stabilità familiare e psicologica. Il regista Bille Woodruff, ricordato soprattutto per il film sulla danza Honey con Jessica Alba, ha dichiarato che non è stato assolutamente facile trovare un'attrice disponibile a fare tutto quello che le sarebbe stato chiesto, come fare sesso con tre ragazzi diversi. Alcune candidate - delle quali Woodruff non fa il nome - hanno declinato l'offerta e, dopo un po' di rifiuti, si cominciava a temere che il film non avrebbe potuto essere realizzato.

Poi Tasha Smith, che nel film interpreta Marcella Spencer, dopo essere stata scelta propose l'amica Sharon Leal, che, dopo essere stata interpellata dal regista, ha risposto di non voler assolutamente sfuggire alle scene di sesso e che non voleva interpretarle come se si stesse solo girando intorno alla cosa. Questo è bastato a Woodruff.

[Leggi anche: Autocensura casalinga: film che è meglio NON guardare con tutta la famiglia]

La scelta di Woodruff è stata favorita dall'insistenza del produttore Paul Hall e di Lionsgate; i due si conobbero in passato quando il regista girava music video e, grazie a questo background, Hall ha voluto Woodruff a tutti i costi perché sa come il regista lavora e come può rendere determinate scene non imbarazzanti.

Per la scelta sul personaggio dello scultore Quinton Canosa, Woodruff si è ispirato al film Unfaithful con Diane Lane e Richard Gere, dove la donna aveva una relazione clandestina con il latino Olivier Martinez. Proprio pensando al fascino esotico di Martinez il regista ha optato per un sex symbol cubano, William Levy.

Trailer di Addicted

Categorie generali: 

Facebook Comments Box