Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 3 Luglio 2015

Le migliori scene d'arti marziali della storia del cinema? Diverse sono di Yuen Woo-ping, coreografo che ha curato, tra gli altri, i combattimenti di "La tigre e il dragone", "Matrix", "Kill Bill", "Fearless" e "The Grandmaster"

Ip Man 2

Le migliori scene d'arti marziali della storia del cinema? Con buona pace del cinema occidentale, tutte le possibili posizioni spettano ai geni dell'estremo oriente. Ad esempio, meriterebbe un premio alla carriera Yuen Woo-ping, probabilmente il più brillante coreografo mai apparso sulla faccia della Terra. Nell'industria hongkonghese ha praticamente lavorato con tutti i nomi che contano, da Jackie Chan a Donnie Yen, passando per Jet Li e Chow Yun-Fat. Così, nel giro di qualche anno, ecco arrivare la chiamata da parte di Hollywood, prima alla corte dei Wachowski per Matrix, e poi successivamente in quello di Quentin Tarantino per i due volumi di Kill Bill. Quindi, se siete rimasti ipnotizzati dai combattimenti di Keanu Reeves e Uma Thurman, sappiate che è tutto merito di Yuen, che, tra l'altro, ha anche curato le meravigliose scene action de La tigre e il dragone di Ang Lee e di The Grandmaster di Wong Kar-wai.

Rimanendo nell'ex colonia britannica, vale poi certamente la pena citare lo stunt team di Jackie Chan (Project A, Drunken Master II), Sammo Hung (Ip Man, Eastern Condors), Donnie Yen (SPL: Sha Po Lang, Dragon Tiger Gate) e soprattutto Ching Siu-tung, il cui genio coreografico ha contribuito a realizzare pellicole indelebili come Storia di fantasmi cinesi, La città proibita e New Dragon Gate Inn.

E cosa dire dell'ultimo fenomeno asiatico, ovvero il thailandese Tony Jaa? Con l'aiuto del cineasta Prachya Pinkaew e del coreografo Panna Rittikrai, il nostro eroe ci ha infatti regalato una delle scene di arti marziali più sfavillanti e mozzafiato degli ultimi anni: stiamo parlando del lungo pianosequenza di The Protector, in cui Jaa fa fuori un'intera armata di sicari salendo le scale di un ristorante. Pura goduria esplosiva, tra corpi che cadono nel vuoto e una macchina da presa perennemente incollata al suo protagonista. 

[Leggi anche: Botte e adrenalina: I migliori film d'azione degli ultimi anni]

Infine, andando in tempi ancora più recenti, impossibile ignorare The Raid 2 di Gareth Evans, che molti hanno già eletto come uno dei migliori action di sempre. Le scene indelebili che meriterebbero uno standing ovation sono praticamente infinite: tutte stilosissime, spietate, brutali, carismatiche e girate come dio comanda. Ad eseguirle con maestria, l'indonesiano Iko Uwais, che si vocifera possa addirittura avere un ruolo nell'imminente Star Wars Episodio VII: Il risveglio della forza. In caso fosse vero, sarebbe un'ulteriore prova dell'ingegno di J. J. Abrams, che evidentemente conosce il cinema e la maniera per rendere il proprio film ancora più cazzuto e adrenalinico.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box