Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 18 Agosto 2015

Una maratona cinematografica per imparare come essere dei bravi registi? Vanno certamente bene le pellicole di Orson Welles o Alfred Hitchcock, ma non sottovalutate nemmeno l'importanza dei film brutti! Ecco perché...

Darious Britt

Imparare ad usare le attrezzature necessarie per girare un film? Questione di un corso intensivo dalla durata limitata e di tanta, tanta pratica. Più importante, forse, è però capire come funziona il cinema, e per questo non c'è nulla di più istruttivo nel vedersi pellicole su pellicole, giorno e notte, di qualsiasi nazionalità e in qualsiasi lingua. Registi come Jean-Luc Godard o Quentin Tarantino, d'altronde, non sono mai andati a scuola di cinema, ma hanno imparato tutto guardandosi miriadi di film, il primo frequentando assiduamente la cineteca parigina, il secondo, immergendosi tra i mercatini di vhs usati. 

Ma quali film vedere, in proposito? Nessuno negherà ovviamente l'importanza di studiarsi i classici della storia del Cinema, da Quarto Potere di Orson Welles a La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock, passando per le opere di Ejzenstejn, Renoir, Ford, Kurosawa, Bergman, Rossellini, Dreyer e tantissimi altri. Eppure, il video che vi proponiamo oggi va invece in una corrente opposta, consigliando agli aspiranti cineasti di guardarsi, piuttosto, dei brutti film. Girato da Darious Britt e riportatoci dal sempre prezioso No Film School, il filmato non dice certamente che bisognerebbe evitare i capolavori della settima arte, ma afferma semplicemente come si possano imparare moltissime cose anche da pellicole rivelatesi degli autentici fail.

[Leggi anche: Regole fondamentali di ripresa per principianti]

Il procedimento, come potete immaginare, è abbastanza scontato: studiando i brutti film, possiamo infatti esplicitamente vedere alcune cose che un cineasta non dovrebbe assolutamente fare. Errori di messa in scena, raccordi di montaggio che non funzionano, battute che si rivelano ridicole, e così via. Insomma, capire come si dovrebbero fare le cose a partire dal lato contrario, ovvero da come non si dovrebbero fare. Spiega l'autore, poi, che imparare a girare bene vi costerà soldi e soldi in scuole di cinema, mentre apprendere che cosa significhi girare male vi prenderà al massimo un po' del vostro tempo, in maniera totalmente gratuita. E una volta che avrete capito cosa c'è che non va in queste terribili pellicole spazzatura che vi siete sparate senza sosta, allora avrete decisamente un bagaglio più ricco e una maggior consapevolezza registica. 

Ci sta come ragionamento? Date un'occhiata al video e diteci la vostra:

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box