Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 13 Maggio 2016

Presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi dal 20 al 26 giugno si terrà il primo laboratorio per lavorare alla sceneggiatura del thriller fantapolitico

Abel Ferrara

Il prossimo laboratorio che Abel Ferrara terrà presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi non sarà un workshop come tutti gli altri, sarà un work(shop) in progress.

Questo perché alle normali lezioni in classe si affiancheranno delle attività pratiche e di laboratorio sul campo volte a contribuire attivamente alla nascita del nuovo film del regista americano.

Roma anno zero, così si chiama il suo nuovo progetto, un thriller fantapolitico e spirituale che ruota intorno allo scenario di una Piazza Vittorio Emanuele, al centro di Roma, futuribile e apocalittica: un progetto veloce, sporco e cattivo, assolutamente indipendente, girato in stile guerrilla. “Ma per fare guerrilla movies”, dice Ferrara, “c’è bisogno di guerriglieri”. 

Grazie al ciclo di lezioni organizzate dalla scuola romana sarà possibile partecipare attivamente alla stesura della sceneggiatura, ma anche alla ricerca e costruzione dei materiali e di location che saranno poi utilizzati per il film.

La settimana di laboratorio sarà quella da lunedì 20 a domenica 26 giugno, con le lezioni dalle 10 alle 16.

La quota d’iscrizione al workshop Screenwriting è di 1.800,00€ e le domande di partecipazione possono essere inviate entro il 3 giugno compilando un modulo che si trova nel sito www.sentieriselvaggi.it.

[Leggi anche: Recensione di Pasolini | Il peggior film di Abel Ferrara è un insulto a PPP]

Si tratta solo della prima tappa di un percorso che il regista intende portare avanti con Sentieri Selvaggi; ci saranno infatti altri appuntamenti in cui ci si concentrerà sulle diverse fasi di lavorazione come la pre-produzione, lo shooting e la post-produzione in cui si tratteranno le fasi di montaggio, vendita e distribuzione.

Essenziale è la conoscenza della lingua inglese per poter partecipare a questo esperimento di cinema collettivo e in divenire. Piazza Vittorio Emanuele, considerata la China Town romana, sarà senz’altro una miniera di storie e situazioni a dir poco cinematografiche, seguiremo con curiosità l’evolversi del progetto. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box