Ritratto di Claudio Mundo
Autore Claudio Mundo :: 27 Aprile 2015

"Giants in Milan: Il Duomo e la Scala" di Pino Farinotti e "Rapsodia satanica" di Nino Oxilia sono le opere presentate da Fondazione Cineteca Italiana in una serata con un doppio e prezioso programma dedicato a Milano e alle sue eccellenze culturali

Carla Fracci

Primo maggio, festa dei lavoratori. Lo stereotipo della città di Milano è però quello di una città frenetica e sempre alacremente impegnata alla ricerca di innovazione e trend. La storia patria ce lo insegna, Milano visse per prima nel suo piccolo quello che fu il boom industriale ed economico italiano degli anni Cinquanta e Sessanta. In occasione dell’apertura dell’Expo, l’esposizione universale sull’alimentazione e sulla nutrizione che trasformerà il capoluogo lombardo in una vetrina mondiale fino al prossimo 31 ottobre, la Fondazione Cineteca Italiana presenta una serata di gala con un doppio, prezioso programma dedicato a Milano e alle sue eccellenze culturali. 

L’appuntamento è fissato a venerdì 1 maggio alle ore 21.00 presso Spazio Oberdan; i titoli che saranno protagonisti della serata sono Giants in Milan: Il Duomo e la Scala e Rapsodia Satanica. Il primo titolo, proposto in anteprima assoluta, è un nuovo episodio del percorso ideato e realizzato da Pino Farinotti, con il sostegno del Comune di Milano, dedicato alla storia del capoluogo lombardo. Attraverso immagini d’epoca (fra cui quelle rarissime dei funerali di Giuseppe Verdi) e testimonianze di illustri personaggi come il sindaco Giuliano Pisapia (ma anche Ferruccio De Bortoli e Carla Fracci), Farinotti racconta i due simboli di Milano, trasformandoli in autentici personaggi protagonisti della sua narrazione. 

[Leggi anche: Cineteca di Milano: Una rassegna con 11 film in lingua originale di Stanley Kubrick]

A seguire, verrà presentato Rapsodia, rarissimo film muto nell’edizione restaurata dalla Cineteca. Il film è un mediometraggio del 1917 firmato da Nino Oxilia e con protagonista una delle maggiori dive dell’epoca: Lyda Borelli. L'opera si iscrive in un progetto più ampio di nobilitazione dell'arte cinematografica, attraverso la collaborazione di artisti provenienti da altre discipline. In particolare, il compositore e direttore d’orchestra Pietro Mascagni, autore del commento musicale e del quale quest’anno ricorrono i 70 anni dalla scomparsa, si pose l’obiettivo di dare un forte senso unitario all’opera. I personaggi e le situazioni sono legati a un tema (tecnica del leitmotiv), i singoli gesti ed i mutamenti fisionomici vengono espressi e resi intelligibili da episodi musicali sincronizzati con precisione. Fu così che venne realizzata l'idea di un’opera audiovisiva, in cui è presente lo stesso movimento sia nella struttura musicale che in quella plastica.

Venerdì 1 maggio (h 21)
Giants in Milan: il Duomo e La Scala - Anteprima
Un film di: Pino Farinotti. Regia: Andrea Bellati. Sogg. e scenegg.: Pino Farinotti. Segretaria di produzione: Daniela Azzola. Scenog.: Thomas Berra. Int.: Giuliano Pisapia, Luciana Savignano, Alexander Pereira, Ferruccio De Bortoli, Maria Di Freda, Gianantonio Borgonuovo, Francesco Alberoni, Pino Farinotti. Italia,
2015, col., 50’.
Un film che vuole celebrare Milano attraverso il racconto delle sue eccellenze culturali sintetizzate nei due principali simboli della città: il Duomo e il Teatro alla Scala. Avvalendosi come sempre di preziose testimonianze di illustri personaggi della politica e della cultura raccolte per l’occasione, di immagini contemporanee e d’epoca - fra cui quelle rarissime dei funerali di Giuseppe Verdi provenienti dall’archivio della Cineteca Italiana -, Farinotti riesce a comporre, in un sapiente intreccio di storia e cronaca, un’immagine viva e dinamica della città. Un autentico inno a Milano, nutrito da un amore semplice e sincero per descrivere il qualelo stesso Farinotti cita, parafrasandolo, l’inizio di Manhattan di Woody Allen: “Milano è la mia città, e lo sarà sempre”.

A seguire
Rapsodia satanica – Edizione restaurata
R.: Nino Oxilia. Sc.: Alfa (Alberto Fassini). Didascalie: Fausto Maria Martini. Commento musicale: Pietro Mascagni. Int.: Lyda Borelli, Andrea Habay, Ugo Bazzini, Giovanni Cini. Italia, 1917, 43’, muto.
Un’anziana contessa stringe un patto col diavolo: riavrà la sua giovinezza, ma a condizione che rifiuti per sempre l’amore. Tornata avvenente fanciulla, spingerà al suicidio un giovane innamorato, tradirà il patto e Satana la farà tornare vecchia.

Accompagnamento musicale dal vivo su musiche di Giuseppe Mascagni di Francesca Badalini (pianoforte) e Aurora Bisanti (violino).

Ingresso intero € 8, ridotto € 6.

INFO: T 02.87242114 / info@cinetecamilano.it / www.cinetecamilano.it

MODALITÀ D’INGRESSO:
Biglietto d’ingresso: intero € 8,00
Biglietto d’ingresso ridotto per possessori di Cinetessera o studenti universitari: € 6,00
Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni al MIC – Museo Interattivo del Cinema - e all’Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box