Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 13 Novembre 2014

Il sindaco Matteo Ricci avrebbe incontrato Luca Zingaretti per proporgli la direzione della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro, giunto quest'anno alla sua 50a edizione. Ma è davvero la personalità giusta per guidare un Festival così importante?

Luca Zingaretti

Notizie che lasciano perplessi molti cinefili: secondo Il Resto del Carlino, il sindaco di Pesaro Matteo Ricci avrebbe incontrato Luca Zingaretti per proporgli la direzione della Mostra del Nuovo Cinema, istituzione cinematografica nata 50 anni fa grazie a Lino Miccichè e Bruno Torri. Secondo indiscrezioni, il Montalbano televisivo sarebbe ovviamente propenso ad accettare il ruolo, anche perché non sarebbe la prima volta per lui: infatti, nel proprio curriculum vanta già l'organizzazione di eventi come il Festival del Documentario Sociale di Siena e Cortona. Certo è che la notizia non ha mancato di scuotere gli aficionados dell'evento, a iniziare dal direttore uscente Giovanni Spagnoletti, che ha dichiarato di non saperne nulla e di essere caduto dalle nuvole.

Zingaretti è certamente un attore importante, avendo lavorato con alcuni dei più rinomati cineasti italiani, e pensiamo a pellicole come Alla luce del sole di Roberto Faenza, Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana, Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti, Senza Pelle di Alessandro D'Alatri, Noi credevamo di Mario Martone, Il comandante e la cicogna di Silvio Soldini e Tu Ridi di Paolo e Vittorio Taviani. Viene però da chiedersi se sia effettivamente la personalità più adatta per guidare la Mostra pesarese, da sempre Festival attento alle nuove scoperte cinefile dagli angoli più remoti del mondo. Ora, non sappiamo nemmeno quante pellicole riesca effettivamente a vedere Zingaretti nel suo tempo libero, ma di certo averlo come nuovo direttore significherebbe un punto di rottura con la storia del festival, oltre che un nuovo inizio che Ricci vorrebbe più popolare e meno di nicchia.

[Leggi anche: Torino Film Festival 2014: ecco il programma completo]

Tra gli autori che negli ultimi 50 anni sono passati alla Mostra, ricordiamo Roberto Rossellini, Pier Paolo Pasolini, Jean-Marie Straub, Lino Brocka, Bernardo Bertolucci, Jean-Luc Godard, Jerzy Skolimowski, Glauber Rocha, Cesare Zavattini e tantissimi altri. Insomma, è una manifestazione che nel corso della sua storia ha ospitato dibattiti e incontri importanti, influenzando poi tutta la comunità internazionale di studiosi e appassionati, come una sorta di laboratorio dove allargare i propri orizzonti estetici e concettuali. D'accordo, non siamo più negli anni '60 e '70, il tempo delle new waves è cessato, ed è forse giusto tentare di riformulare l'identità di una Mostra come quella pesarese, ma siamo sicuri che Matteo Ricci stia andando nella direzione giusta?

Categorie generali: 

Facebook Comments Box