Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 10 Gennaio 2015

Quando una bella donna invecchia, nel cinema lavora di meno. Crowe ha dato la colpa proprio ai loro capricci: la Chastain, piccata, replica con fermezza

Jessica Chastain

Russell Crowe, che non ha mai avuto peli sulla lingua (né sulle mani), ha ricevuto una risposta puntuale da Jessica Chastain circa le sue affermazioni sulla questione età delle donne nel mondo di Hollywood: è sempre stato un dato assodato che la donna, quando è bella e affascinante, venga sfruttata alla grande nel business cinematografico fin dall'adolescenza, per poi essere gentilmente parcheggiata in disparte in favore delle nuove sex symbol; se un'attrice è fortunata dura vent'anni, ma Crowe ha voluto precisare che non è proprio così.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Secondo il regista di The Water Diviner, infatti, le attrici sono frustrate non a causa di una reale mancanza di ruoli di qualità per attrici più vecchie, ma perché queste continuano a cercare di interpretare personaggi molto più giovani della loro età. Dopo una risposta abbastanza pacata di Meryl Streep, che non ha dato proprio torto a Crowe, è stato il turno di Jessica Chastain, che ha commentato, con una risata, le dichiarazioni dell'attore durante una chiacchierata con Cosmopolitan: "Credo che Russell sia stato fuori luogo in questo, ci sono alcune incredibili attrici sulla cinquantina o sessantina che non stanno avendo alcune opportunità come ruoli nei film e chi dice che c'è pieno di ruoli per donne di quell'età... beh, quel qualcuno non frequenta evidentemente i cinema".

[Leggi anche: Nuove foto di scena del film di e con Russell Crowe, The Water Diviner]

La Chastain non è nuova a riflessioni sulla questione gender a Hollywood, infatti un'altra frecciata era arrivata lo scorso mese: "Come parte dell'audience io guardo ogni cosa che mi è possibile e devo dire che - ed è un fatto - c'è un'ampia differenza tra ruoli maschili e ruoli femminili e ci sono moltissime grandi attrici là fuori che vorrei vedere in più pellicole".

Queste sono state le parole dell'attore australiano e neoregista: "Avrete notato che la donna che afferma che non ci sono più ruoli per lei sono quelle che a 40, 45 e 48, vogliono ancora intepretare la ragazzina, e non riescono a capire perché nessuno le vuole in ruoli da ventunenne. Meryl Streep potrebbe dimostrarvi diecimila volte che queste sono tutte stronzate, così come Helen Mirren."

"Se si è in grado di vivere nella propria pelle" - ha proseguito Crowe, intervistato da un magazine femminile australiano - "si può essere attori. Se invece uno finge di essere un giovanotto quando ha la mia età, non funziona."

Categorie generali: 

Facebook Comments Box