Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 7 Febbraio 2016

Film in cui i registi hanno deliberatamente spaventato gli attori per aumentare la verosimiglianza delle scene di tensione

Alien

Gli horror sono concepiti per spaventare il pubblico, per cercare la reazione più imprevista, ma a volte è successo che fossero gli attori stessi a spaventarsi. In molti casi il merito è stato proprio del regista che ha cercato in tutti i modi di rendere le scene terrificanti, riuscendo a spaventare sul serio i membri del cast. Ecco alcuni titoli in cui ad aver paura sono stati i protagonisti del set:

Alien
Quando la creatura aliena schizza fuori dal petto dell’astronauta è uno spavento per tutti e lo fu anche per il cast. Oggi grazie agli effetti speciali si potrebbe fare tutto a computer, ma nel 1979 gli attori non sapevano che sarebbero stati colpiti da un liquame composto da sangue e interiora che, anche se finto, riuscì a creare la perfetta espressione di sorpresa sul loro volto.

L’esorcista
Per gli interessati ai retroscena del film di William Friedkin è assolutamente consigliata la visione di The Fear of God, un documentario sulla lavorazione di quello che è uno degli horror più angoscianti della storia. La bravura del regista fu anche quella di trovare modi, anche abbastanza sadici, di provocare nei suoi attori vere espressioni di sorpresa e timore. Ad esempio Friedkin fece abbassare drasticamente la temperatura della camera dell’esorcismo per avere dei volti sofferenti e tesi o non disse all’attore Jason Miller che il vomito della bambina l’avrebbe colpito direttamente in faccia, cosa che lo lasciò parecchio interdetto.

The Blair Witch Project
The Blair Witch Project è uno di quei film in cui tutto sembra essere predisposto per cercare il reale senso di paura anche tra i componenti del cast. I registi diedero ai tre protagonisti delle macchine da presa, dei viveri e un appuntamento e poi li lasciarono da soli nel bosco, alcune scene sono state tratte proprio da quei filmati in cui si vedono gli attori cominciare a preoccuparsi per essersi persi.

[Leggi anche: Le 5 colonne sonore più inquietanti del genere horror]

Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato
Ricordate il momento in cui la storia di Willy Wonka cessa di essere una favola divertente e si trasforma in qualcosa di terrificante con la scena del tunnel sul fiume di cioccolato? Tutto nasce dal fatto che il cast era stato tenuto all’oscuro di moltissime cose e nessuno aveva introdotto Gene Wilder agli altri attori. Le espressioni dei bambini quindi sono reali, tutti erano convinti di aver avuto un'allucinazione all'interno della galleria.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box