Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 16 Luglio 2016

Da "Psyco" a "L'esorcista": i trailer più riusciti in cui curiosità e brevità sono caratteristiche fondamentali

L'esorcista

Più volte sulle pagine di questo sito abbiamo dichiarato il nostro amore per i trailer. Se ben fatti sono delle piccole e preziose opere d’arte che vale la pena di vedere, ci sono però delle regole ben precise da tenere in mente. Prima fra tutte: il trailer non deve svelare troppi dettagli del film, deve “semplicemente” riuscire ad incuriosirci e convincerci che ne vale davvero la pena. Sempre più spesso invece i trailer durano moltissimo e rovinano i momenti più belli decontestualizzandoli. Prendere esempio dai casi virtuosi però è sempre un’ottima idea e quindi ecco alcuni dei nostri trailer preferiti:

Psyco
Più che un trailer si tratta di un’esclusiva visita guidata ad opera di sir Alfred Hitchcock il quale ci fa conoscere il Bates Motel e l’inquietante famiglia Bates. Un tour della scena del crimine fino ad arrivare all’iconica tenda della doccia, un piccolo film dedicato a un grande film.

Alien
La macchina da presa sorvola un pianeta sconosciuto avvolto dall’oscurità, lentamente compare il titolo del film finché sullo schermo vediamo un misterioso oggetto a forma di uovo. Rapidamente vediamo scene non incluse nella pellicola e, senza dialoghi, ecco che abbiamo una grandissima voglia di vedere Alien. Tutto merito di Jonathan Elias.

[Leggi anche: Il trailer de "La pazza gioia", il nuovo film di Virzì]

Shining
La musica di  Wendy Carlos si fa sempre più intensa e sullo schermo scorrono i titoli di Shining, l’incontro perfetto tra Stanley Kubrick e il genere horror. Sullo sfondo le porte dell’Overlook Hotel, le soglie del film, tutto questo fino a quando non arriva un’ondata di sangue che travolge lo schermo e noi rimaniamo impietriti innanzi al titolo del film.

L’esorcista
Quest’inedita versione del trailer venne bandita dalle sale dopo poche proiezioni per il terrore che dilagava tra gli spettatori più impressionabili. La musica è di Lalo Schifrin, terrificante almeno tanto quanto le immagini di volti posseduti dal diavolo che compaiono in bianco e nero sullo schermo. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box