Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 25 Gennaio 2016

La puntata pilota della serie partirà da una rilettura del romanzo del 1971 che ispirò l'horror di William Friedkin diventato un vero e proprio cult

l'esorcista

L’esorcista, il film del 1973 diretto da William Friedkin, è uno dei pochi film horror che non teme il passare del tempo, che ancora riesce a trasmettere una sensazione di sana angoscia nonostante tante sequenze siano entrate nel nostro immaginario. La pellicola che resta un cult per diverse generazioni fu scritta da William Blatty, lo stesso che nel 1971 aveva scritto il romanzo omonimo.

In un’epoca in cui sequel e reboot rappresentano una sicurezza  per molte produzioni, la Fox ha deciso di commissionare la puntata di pilota di una serie che trae ispirazione proprio dal primo film.

L’episodio numero zero, quello che dovrebbe convincere i produttori ad investire sul prodotto, è descritto come una reinvenzione moderna dell’opera letteraria di Blatty. Al centro della trama ovviamente ci sarà sempre l’indagine di un detective – che nel film era il tenente Kinderman interpretato da  Lee J. Cobb – su omicidi e su casi di possessione demoniaca.

Il progetto proviene dalla 20th Century Fox Television in associazione con la Morgan Creek Productions e la sceneggiatura dovrebbe essere curata da Jeremy Slater (I fantastici 4)  il quale figura anche come produttore esecutivo insieme a James Robinson, David Robinson e Barbara Wall.

Oggi il tema dell’esorcismo o dell’eterna lotta tra bene e male è stato ormai affrontato in innumerevoli modi, spesso si abusa dello spunto narrativo, ma all’epoca quando il film uscì nei cinema fu una vera rivoluzione. Tutti ricordano la famosa “bambina dell’esorcista”, tanto che la povera Regan è diventata una specie di maschera contemporanea. Fu un tale successo che successivamente, nel 1977 e nel 1990, uscirono capitoli successivi del film che però non riuscirono ad eguagliare la tensione e lo stile del primo.

[Leggi anche: Da "L'esorcista" ad "Annabelle": Viaggio tra i set maledetti del cinema horror]

Chi non ama il genere però può sempre contare sui prossimi progetti della Fox tra cui è già stata confermata una serie di animazione, Son of a Zorn, e un altro episodio pilota scritto da Phil Lord e Chris Miller in cui si racconta di un viaggio attraverso il tempo.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box