Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 7 Gennaio 2015

Quella del 2015 sarà l'ultima edizione del Festival Internazionale del Film di Rotterdam diretta da Rutger Wolfson, a capo della manifestazione dal 2007: il suo contributo ha aiutato il Festival ad approfondire il rapporto tra l'arte e il cinema

Rutger Wolfson

Rutger Wolfson, direttore del Film Festival Internazionale di Rotterdam, ha deciso di rinunciare alla sua carica dopo otto anni. Il direttore lascerà l'incarico dopo l'edizione 2015 del Festival, che sarà ospitata dalla cittadina olandese dal 21 gennaio all'1 febbraio; Wolfson anticipa quindi di un anno il termine del suo mandato, che scade per contratto nel 2016. 

Avvia la prova gratuita su MUBI

Continuerà invece nel suo ruolo la managing director Janneke Staarink, che farà probabilmente parte del gruppo che deciderà il nuovo direttore per l'edizione dell'anno a venire. Queste le parole di Wolfson, rivelate in esclusiva a Screen: "Lo sto facendo da otto anni, è molto tempo per qualcuno nella mia posizione; penso di aver raggiunto ogni obiettivo che volevo raggiungere. Sono comunque molto eccitato per l'edizione che sta per venire, sarà un evento speciale e io voglio lasciare in un momento particolarmente brillante".

[Leggi anche: Ecco i 24 titoli in cerca di finanziamenti al Rotterdam FilmFest]

Continua Wolfson: "Il Festival è a un buon punto attualmente ed è finanziariamente stabile, Janneke sta facendo un ottimo lavoro; la transizione a un nuovo direttore potrebbe essere indolore e per me è un ottimo momento per lasciare". Guardandosi alle spalle, Wolfson è felice di aver mantenuto il profilo del Festival di Rotterdam all'alto livello in cui l'aveva trovato. 

Il suo mandato ha visto l'orientamento della manifestazione verso un approfondimento del rapporto tra l'arte e il mondo del cinema. Wolfson è entrato nell'organizzazione nel 2004 per poi essere nominato direttore nel 2007: ha un passato nel mondo dell'arte, avendo diretto in precedenza De Vleeshal ed essendo stato curatore del centro di arte contemporanea Witte de With.

"Ovviamente, a causa del mio background personale, laddove queste due discipline si toccano per me diventa molto interessante. Mi piace che non solo noi investighiamo questa nuova direttrice mostrando film realizzati da artisti, ma anche che mostriamo concretamente come connettere l'arte visiva a un lungometraggio; questi mondi sono spesso divisi". 

Wolfson ha spiegato che era sua intenzione annunciare la decisione ora in modo da non creare polemiche durante lo svolgimento del festival del 2015.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box